Menu

carmelitecuria logo it

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

Displaying items by tag: Titus Brandsma

Martedì, 30 Aprile 2024 09:40

Giornata mondiale della libertà di stampa

3 maggio

In questa giornata si vuole sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza della libertà di stampa e celebrare i principi fondamentali della libertà di stampa sanciti dall'articolo 19 della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo del 1948 e che segna l'anniversario della Dichiarazione di Windhoek, una dichiarazione dei principi della libertà di stampa redatta da giornalisti di stampa africani nel 1991.

Da una lettera aperta dei giornalisti cattolici a Papa Francesco in occasione della canonizzazione del carmelitano Tito Brandsma, 15 maggio 2022.

Santità,

nel 2018 Lei ha chiesto a noi giornalisti, a gran voce, "di promuovere un giornalismo di pace", un "giornalismo che sia veritiero e si opponga alle falsità, agli slogan retorici e ai titoli sensazionali. Un giornalismo creato dalle persone per le persone, che sia al servizio di tutti, (...) un giornalismo impegnato a indicare alternative all'escalation di urla e violenza verbale" ("La verità vi farà liberi" (Gv 8,32), Fake news e giornalismo per la pace. Messaggio di Sua Santità Papa Francesco per la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali, 24 gennaio 2018).

Appoggiamo con tutto il cuore il Suo appello all'azione e in esso riconosciamo una dichiarazione di missione per l'intera impresa giornalistica: per i vecchi e i nuovi media, per i direttori di giornali, riviste, stazioni radio e televisive e piattaforme internet - e non solo per i giornalisti di origine cattolica, ma per tutti i giornalisti di buona volontà.

Titus Brandsma ha significato molto per la comunità cattolica dei Paesi Bassi, ma il suo lavoro giornalistico spicca tra tutte le altre attività. Fu direttore di un giornale, si dedicò alla modernizzazione e alla professionalizzazione della stampa quotidiana cattolica nei Paesi Bassi e si adoperò per migliorare le condizioni di lavoro e per istituire una formazione professionale per i giornalisti.

Padre Brandsma svolse il suo lavoro nel contesto dell'ascesa del fascismo e del nazismo in Europa. A parole e nei fatti si oppose al linguaggio dell'odio e della divisione che si stava diffondendo in quel periodo. A suo avviso, quelle che oggi definiamo "fake news" non dovevano essere tollerate dalla stampa cattolica; si batté con successo per ottenere il divieto episcopale di stampare la propaganda nazionalsocialista sui giornali cattolici.

[S. Tito Brandsma] pagò con la vita queste azioni coraggiose.

Secondo il Comitato per la protezione dei giornalisti (CPJ), nel 2023 sono stati uccisi 99 giornalisti, 72 solo nel conflitto tra Palestina e Israele.

Link all’ articolo 19 della Dichiarazione universale dei diritti umani (1948)

Link alla Dichiarazione di Windhoek (1991): English | Español

Link alla lettera integrale dei giornalisti cattolici a Papa Francesco (maggio 2022)

Le pubblicazioni di o su San Tito Brandsma includono le Collected Works of Titus Brandsma in inglese (4 dei 7 volumi completati); Un Frate Pericoloso, un'opera teatrale in italiano; biografie in inglese, spagnolo e italiano; un film prodotto dalla RAI Radiotelevisione Italiana-Tiber Cinematografica, Le Due Croci (DVD, in italiano didascalie disponibili in inglese e spagnolo); e molte altre proposte eccellenti.

Published in Notizie (CITOC)
Tagged under
Giovedì, 18 Aprile 2024 09:56

La storia di un'icona di san Tito Brandsma

Intervista al suo autore

La storia dell'icona per il 100° anniversario della Provincia indonesiana

L'icona scritta per il 100° anniversario della Provincia indonesiana, conclusosi poco tempo fa, ha una storia e un autore interessanti. L'icona troverà una collocazione permanente nella casa provinciale della Provincia indonesiana. Si spera che diventi uno strumento di preghiera e un segno di coraggio per essere la vera luce di Dio per gli altri e il buon seguace di Gesù Cristo", secondo il suo creatore.

È nata in una famiglia cristiana, anche se la madre, nata a Bali, era buddista. I suoi genitori la iscrissero a una scuola secondaria cattolica sotto le cure delle Suore del Perpetuo Soccorso. Una delle suore, Suor Flora, si prese cura di lei quando era malata e divenne la sua insegnante privata dopo la scuola in matematica, religione e catechismo. Due anni dopo, suor Flora la invitò a diventare cattolica. Flora le diede il nome di battesimo di Cecilia. Tuttavia, mentre stava compilando il modulo per il battesimo, suor Flora ricevette in preghiera il messaggio che il suo nome doveva essere Marina Carmel. Così la Madonna del Carmine divenne la mia patrona. Questo è stato il mio primo contatto con i Carmelitani".

In seguito a un incidente alle mani, Marina Carmel ha avuto l'opportunità di imparare dalle suore e dai sacerdoti ortodossi a scrivere le icone. "Mi hanno incoraggiato, migliorando la mia capacità di usare le mani ferite. Ho anche chiesto la guarigione di Dio nella mia anima. Alcuni mesi dopo, alcuni sacerdoti presero in prestito la mia icona per una sessione pubblica di preghiera. Hanno visto l'opera e la compassione di Dio attraverso le icone. Hanno visto le lacrime e la pace di coloro che sono venuti a pregare".

"Mi consigliarono di ascoltare la mia chiamata da parte di Dio per vedere se dovevo essere un pittore di icone o meno. Dopo molti anni di riluttanza e discernimento, l'invito a scrivere icone su Nostra Signora del Monte Carmelo è arrivato dai Carmelitani Scalzi di Taiwan, dai Carmelitani di Hong Kong e dalla chiesa di Nostra Signora del Monte Carmelo di Hong Kong".

Cosa rappresentano queste icone per il loro autore? "Agiscono come un collegamento tra me e gli altri nella tenera mano di Dio. È un modo per entrare in comunione con il nostro Padre nei cieli, la sua presenza costante per noi. Sono così grata di essere uno dei suoi piccoli strumenti come iconografa al servizio di chiese cattoliche, ortodosse e cristiane, comunità religiose e monasteri sia all'estero che a Hong Kong".

"I santi carmelitani che sono stata invitata a scrivere sono la Signora del Monte Carmelo, San Jospeh, il profeta Elia e San Tito Brandsma. Scrivo tutte le icone in seguito a un invito, non per mia volontà.

L'icona di Tito è sorprendente. È stata scritta per uno scopo specifico. "C'è un'icona di Elia creata con materiale iconografico che è stato donato da una persona ortodossa in segno di gratitudine per le preghiere e le gentilezze dei carmelitani. Tuttavia, quell'icona è stata inviata alla nuova casa di ritiro di Sumatra l'anno scorso con P. Heru Purwanto, O. Carm. Così, un'icona sponsorizzata dai cattolici mi ha permesso di scrivere un'altra icona per l'evangelizzazione carmelitana. P. Albertus Herwanta, O. Carm., mi ha suggerito di scrivere un'icona del santo Tito Brandsma, recentemente canonizzato. Così ho iniziato a studiare la vita di san Tito Brandsma. Ho ricevuto indicazioni da p. Benny Phang, O. Carm., da altri carmelitani a Roma e dai frati del Monte Athos. P. Phang ha riassunto i consigli di questi carmelitani e mi ha chiesto di inserire nell'icona alcuni segni che rappresentassero le virtù del santo.

I carmelitani mi hanno dato la storia di San Tito e delle citazioni del santo da leggere per la mia preparazione spirituale. Mi sono presa una settimana di ritiro e ho cercato di riflettere sul mio rapporto con Dio attraverso la poesia scritta da San Tito sull'Eucaristia. Poiché l'Eucaristia lo ha spesso confortato nella sua sofferenza, Tito si è tenuto vicino a Gesù sulla croce. San Tito si è tenuto vicino a Gesù sulla croce. Ha sperimentato realmente la solitudine del Signore ed è stato devoto all'Eucaristia attraverso sacrifici e stando con la debolezza".

"Come posso stare con i deboli attraverso la scrittura dell'icona nella preghiera, il dolore della malattia e la grazia che Dio mi ha dato nel suo piano? Come ho conosciuto il Suo piano e la visione di Dio? Da San Tito ho imparato che devo essere presente al Signore. Dal profeta Elia ho imparato ad avere il coraggio di camminare con Gesù nella debolezza. Queste domande sono apparse nella mia mente mentre scrivevo l'icona. Sento la pesantezza del mio cuore e del mio pennello. Imploro la misericordia di Dio per la mia debolezza nel servizio, soprattutto nella mia musica per arpa sacra. Con l'icona per la malattia, ho continuato a pregare invocando il nome di Gesù, una sorta di preghiera aspirativa nella spiritualità carmelitana e nella prima fede crisitiana. Sperando che il Signore accetti la mia compassione e mi lasci essere il suo piccolo strumento per finire l'icona a modo suo. Gloria al Signore!".

Secondo la teologia delle icone tradizionali, nell'icona di San Tito Brandsma ci sono significati speciali. Questi colori sono stati realizzati in preghiera con rari cristalli e pietre metalliche. Il pannello dell'icona di legno speciale è stato realizzato dal falegname in preghiera. Questi colori sono stati mescolati con uovo, aceto e acqua in preghiera. In qualità di iconografi, non possiamo apportare alcuna modifica o tocco creativo all'icona. Tutti i colori delle icone tradizionali sono stati scritti da colori scuri a colori vivaci. Poiché significa "Signore salvaci dal peccato", mi ha ricordato le parole di San Giovanni della Croce: "Anche nelle tenebre c'è la luce".

Il colore blu scuro dello sfondo è segno di un martire con la purezza nell'anima. La forma del naso è dritta, il che significa che il soffio dello Spirito Santo è presente nella vita del santo. La testa prominente e leggermente sproporzionata del santo significa che il santo è pieno di saggezza nel Signore. San Tito ha in mano carta e penna perché è un cronista e scrive per portare giustizia.

C'è anche una citazione del santo scritta su un rotolo di carta: "Chi vuole conquistare il mondo per Cristo deve avere il coraggio di entrare in conflitto con esso". Ci ricorda di essere coraggiosi nel seguire Gesù Cristo. L'effetto specchio dell'aureola è stato realizzato con oro vero. L'oro significa la vera luce di Dio. Agisce come specchio del cuore che riflette il nostro prototipo dell'immagine di Dio. Come ha fatto San Tito Brandsma a riflettere la vera luce di Dio nella sua vita, nell'oscurità? Come può garantire di essere presente davanti a nostro Signore Gesù Cristo? Come può essere enorme il suo coraggio per assaporare la solitudine sulla croce di Gesù Cristo?".

Published in Notizie (CITOC)
Tagged under

II Congresso Titus Brandsma Invito alla presentazione di contributi

Il Circolo Titus Brandsma, in collaborazione con studiosi di varie università romane, organizza il secondo Congresso biennale Titus Brandsma, il quale si terrà dal:

  • 27-29 novembre 2025 (arrivo il 26 novembre e partenza il 30 novembre).
  • A Roma, presso l’Istituto Maria Bambina (proprio davanti a Piazza San Pietro)

Il carmelitano olandese e professore di filosofia Titus Brandsma (1881-1942) ha svolto un lavoro fondamentale nel campo della mistica olandese. Fu uno dei pensatori di spicco per quanto riguarda l'insegnamento sociale della Chiesa cattolica nei Paesi Bassi e promosse il miglioramento dell'istruzione nelle scuole cattoliche e la professionalizzazione del giornalismo cattolico. Criticò il nazionalsocialismo e si dedicò alla promozione della pace.

Sono gradite relazioni che trattino vari aspetti della sua intensa vita, delle sue diverse attività e del suo sorprendente numero di scritti.

Si prega di inviare il proprio abstract (300 parole) in inglese, spagnolo o italiano a

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il comitato organizzativo del congresso del 2025 è composto da quattro membri:

  • Prof. Fernando Millán, Università Comillas di Madrid, Spagna, presidente del Circolo Titus Brandsma.
  • Prof.ssa Giovanna Brizi, postulatrice generale dell'Ordine Carmelitano e di altri ordini, professore invitato presso la Pontificia Università Gregoriana
  • Prof. Giovanni Grosso, presidente dell'Institutum Carmelitanum Roma, professore invitato al Teresianum
  • Prof. Michael Plattig, membro dell'Istituto Carmelitano Tedesco e dell'Institutum Carmelitanum, professore invitato presso la Pontificia Università Gregoriana.

Il termine ultimo per la presentazione degli abstract è: 31 marzo 2025

Published in Notizie (CITOC)
Tagged under
Venerdì, 10 Novembre 2023 08:11

Consegnato il premio Titus Brandsma

In agosto, la Provincia Carmelitana delle Filippine ha conferito il premio Titus Brandsma alla carriera al professore Napoleon Isabelo "Billy" Veloso Abueva. Il premio è stato conferito postumo. La signora Amihan Abueva si è rivolta ai presenti a nome della famiglia Abueva.

Il dottor Abueva è riconosciuto come il padre della scultura moderna nelle Filippine. Il suo approccio modernista è evidente nel carattere monumentale delle sue sculture pubbliche e all'aperto e nella promozione dei temi filippini. Alcune delle sue sculture includono componenti mobili. La sua prolifica opera d'arte è iniziata negli anni Cinquanta. È stato molto coerente nel sostenere gli ideali e la causa di San Tito Brandsma per la verità, la libertà di parola e di stampa, la giustizia e la pace. Il dottor Abueva era un uomo di integrità, onore e fede.

Abueva ha progettato e realizzato il trofeo che viene consegnato ai vincitori del premio. Ha anche disegnato un noto busto di San Tito.

La cerimonia, che si è svolta presso il Titus Brandsma Center di Quezon City, è iniziata con il benvenuto del priore provinciale della Provincia filippina di San Tito Brandsma, Rico Ponce. Il carmelitano Christian Buenafe, direttore esecutivo del Titus Brandsma Media Center e dell'Istituto di spiritualità in Asia, ha fatto le presentazioni. Anne Marie Bos, carmelitana dell'Istituto Titus Brandsma di Nijmegen, Paesi Bassi, si è rivolta all'assemblea. Angela Blardony Ureta, aO. Carm., direttrice del Centro carmelitano per la comunicazione socio-pastorale e membro del Premio Tito Brandsma. Marc Jozsef Lester G. Hallig, O. Carm., ha fatto da maestro di cerimonia.

Il Premio Titus Brandsma Filippine è la versione nazionale del Premio Titus Brandsma internazionale. Nel 1999 i Carmelitani, insieme al Titus Brandsma Media Center, hanno istituito il premio. Il primo premio è stato assegnato l'anno successivo. Il premio viene assegnato ai professionisti dei media e agli educatori e successivamente è stato ampliato per includere la leadership nel giornalismo, nella cultura e nelle arti, nella libertà di stampa e in altri settori.

Published in Notizie (CITOC)
Tagged under

Dal 3 al 6 ottobre, presso l'Università Radboud, si è tenuto il primo congresso del nuovo Circolo Titus Brandsma. Vi hanno partecipato circa 70 persone provenienti da 17 Paesi. Il programma del congresso può essere consultato qui [https://www.ru.nl/en/about-us/events/titus-brandsma-congress]. 

Il congresso fa parte del grande progetto di pubblicazione delle Opere Raccolte di Titus Brandsma in sette volumi che la dott.ssa Elisabeth Hense, Professore Associato di Spiritualità presso l'Università Radboud, sta conducendo in collaborazione con Joseph Chalmers S.T.L. 

Il progetto è finanziato dall'Università di Radboud, dalle Province britanniche e irlandesi dei Carmelitani e dal Consiglio Generale dei Carmelitani di Roma. 

La dott.ssa Elisabeth Hense ha organizzato il Congresso in collaborazione con il prof. Michael Plattig e la dott.ssa Edeltraud Klueting, entrambi membri dell'Istituto Carmelitano Tedesco. Gli atti del Congresso saranno pubblicati nella collana dell'Istituto Carmelitano Tedesco di Aschendorff.

La conferenza prevedeva interventi di esperti sulle varie sfaccettature della vita di Brandsma e uno sguardo più ampio sulla mistica olandese, sulla mistica orientale, sul nazionalsocialismo, sulla spiritualità carmelitana e sulla Regola carmelitana.

Le giornate hanno incluso anche una visita al monastero carmelitano di Boxmeer, dove Brandsma fece il suo noviziato. Oggi ospita l'Archivio provinciale olandese e l'Istituto carmelitano olandese. È stata inoltre effettuata una passeggiata nel vasto campus dell'Università Radboud e "sulle orme" di Tito Brandsma nella città di Nimega.

Una sera il compositore Willibrord Huisman, Hendrik Jan Bosman e un coro locale hanno eseguito opere in onore della vita e della spiritualità di Brandsma al Titus Brandsma Memorial di Nijmegen.

La sessione di apertura si è tenuta nel teatro dell'edificio Elinor Ostrom del campus. Il discorso di apertura è stato pronunciato dal decano della Facoltà di Filosofia, Teologia e Studi Religiosi, seguito dalle presentazioni su "Il significato di Tito Brandsma per la Chiesa olandese" di Mons. Gerard de Korte, vescovo di Den Bosch; "Il significato di Tito Brandsma per l'Ordine Carmelitano" del priore generale dell'Ordine, Míceál O'Neill; e "Il significato di Tito Brandsma per la Provincia Carmelitana Olandese" di Huub Welzen, priore provinciale della Provincia Olandese. Tra una presentazione e l'altra, la musica è stata offerta dal compositore Chris Fictoor e da un clarinettista e 4 coristi.

La serata si è conclusa con un'ora sociale nel bar/caffetteria del campus.

Ogni giorno è iniziato con la preghiera mattutina nella Cappellania dell'Università. L'ultimo giorno i membri hanno celebrato insieme un'Eucaristia guidata dal priore generale. È seguito un pasto festivo in un ristorante locale.

Published in Notizie (CITOC)
Tagged under

Il nuovo Titus Brandsma Circle promuove la ricerca sulla vita del santo

Si sta formando un nuovo gruppo per promuovere la ricerca continua sulla vita del santo carmelitano Tito Brandsma. Il gruppo è stato presentato formalmente al termine della conferenza su Tito Brandsma tenutasi all'Università Radboud di Nijmegen, Paessi Bassi, dal 3 al 6 ottobre 2023.

Il Circolo invita tutti gli studiosi interessati alla ricerca su Tito Brandsma di tutto il mondo a farne parte. I membri riceveranno informazioni sulle ricerche in corso e inviti ai congressi.

Fernando Millán Romeral, O. Carm. dell'Università Comillas di Madrid, è stato nominato primo presidente. Christian Körner, O. Carm., economo generale dell'Ordine Carmelitano, sarà il tesoriere. Elisabeth Hense, T.O. Carm. sarà la segretaria.

La quota di adesione è di 50,00 euro o 50,00 dollari per l'Europa e il Nord America. La quota per i membri di Asia, Africa e Sud America è di 40,00 euro. È previsto uno sconto di 10 euro o 10 dollari per i membri dell'Ordine. Il termine ultimo per l'adesione è l'11 novembre 2023.

Per ulteriori informazioni, contattare la dott.ssa Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Published in Notizie (CITOC)
Tagged under
Lunedì, 18 Settembre 2023 12:50

Le reliquie di Tito commuovono la Chiesa filippina

Dal luglio 2022, i Carmelitani delle Filippine sponsorizzano un pellegrinaggio di un anno delle reliquie di San Tito Brandsma. Il pellegrinaggio è il risultato di una decisione del precedente consiglio provinciale di promuovere la vita del santo carmelitano presso il popolo della nazione. Le reliquie hanno fatto più di 90 tappe durante l'anno. Anche se l'anno designato è terminato, le diocesi stanno ancora contattando la provincia per chiedere che le reliquie vengano visitate.

Ogni comunità carmelitana ha ricevuto una reliquia di San Tito dall'ufficio del postulatore generale a Roma, consentendo a ciascuna di promuovere il proprio programma di evangelizzazione di San Tito. La reliquia itinerante è contenuta in un reliquiario che a sua volta si trova all'interno di un'urna. Il pellegrinaggio è autosufficiente. Il costo del trasporto e quello dell'alloggio per coloro che accompagnano le reliquie sono a carico dell'organizzazione. 

"Le reliquie sono passate da una parrocchia all'altra, da un monastero all'altro, da una diocesi all'altra, da un'isola all'altra", ha detto padre Esmeraldo Reforeal, O. Carm. "Abbiamo viaggiato in auto, in barca e in aereo". Alcune cappelle remote sono state incluse nel tour, consentendo alle persone che non hanno accesso ai mezzi di trasporto di beneficiare della visita alle reliquie.

La presenza della reliquia ha offerto ai fedeli molte più opportunità di sperimentare la fede rispetto alla semplice preghiera davanti alla reliquia. Il programma di ogni tappa comprendeva un catechismo, una lectio divina sulla vita di San Tito, una Messa di benvenuto, la possibilità di confessarsi e una Messa di commiato. In alcune tappe sono state avanzate richieste per un servizio specifico, che sono state soddisfatte se possibile. Le reliquie sono state accompagnate da un carmelitano e da altre persone per garantire la sicurezza delle reliquie e delle funzioni religiose.

L'ultima tappa dell'anno è stata la riunione annuale della Conferenza episcopale delle Filippine (CBCP). I vescovi hanno accolto con favore l'idea di presentare Tito come "ricercatore della verità", "difensore della verità" e "promotore della verità". La reliquia è stata presente anche all'incontro annuale della Conferenza dei Superiori Maggiori delle Filippine. I carmelitani hanno avuto modo di presentare la storia di San Tito e di pregare con le reliquie.

Il feedback dell'esperienza di un anno ha indicato che le persone sono rimaste impressionate e ispirate dalla vita di San Tito. Questo è stato vero anche tra gli studenti che hanno potuto partecipare.

Published in Notizie (CITOC)
Tagged under
Venerdì, 18 Agosto 2023 07:13

Brandsma al Congresso mondiale di esperanto

Secondo un articolo di Beatrice D'Ascenzi, pubblicato da Vatican News, oltre 1.300 esperantisti provenienti da 69 nazioni si sono riuniti a Torino per il 108° Congresso Mondiale di Esperanto. Durante i sette giorni, studiosi e appassionati hanno incentrato le loro discussioni sul tema "Immigrazione e confluenza dei valori umani, l'esperienza inclusiva di Torino".

Durante il congresso sono stati offerti ai partecipanti due libri: Io sono io di Papa Francesco, Non abbiate paura. Il secondo è stato Truth in Love del carmelitano Fernando Millán: La vita di San Tito Brandsma, carmelitano. P. Fernando è stato priore generale dell'Ordine Carmelitano dal 2007 al 2019 ed è considerato uno dei massimi esperti della vita di San Tito. È stato anche vicepostulatore della causa di San Tito.

Il santo dei Paesi Bassi è stato uno dei principali promotori della lingua esperanto. Oggi è considerato il patrono degli esperantisti cattolici. Ha partecipato a diversi congressi internazionali ed è stato membro della Commissione per il Dizionario Ecclesiastico di Esperanto. La lingua facilitava il desiderio di Brandsma di costruire una comunità tra tutti i popoli.

La lingua, sviluppata dal linguista polacco Ludwik Lejzer Zamenhof nella seconda metà del XIX secolo, si stima abbia un seguito mondiale in almeno 120 Paesi.

È considerata la lingua della pace in quanto sottolinea l'uguaglianza e la comunione tra le persone unite dalla lingua. L'esperanto è stato creato per stabilire un dialogo tra diverse popolazioni, cercando di superare ostilità e conflitti. Il creatore dell'esperanto riteneva che molte incomprensioni fossero il risultato di difficoltà linguistiche. Zamenhor desiderava risolvere questo problema creando un idioma universale, appartenente all'umanità e non a un singolo popolo. Ciò avrebbe avuto un impatto non solo sulle relazioni interpersonali, ma anche sulle connessioni politiche e culturali.

Secondo gli appassionati, la lingua artificiale dell'esperanto sta vivendo una rinascita a 150 anni dal suo sviluppo. Le associazioni esperantiste e il numero di appassionati su Internet continuano a crescere. Secondo gli esperti, l'era digitale delle comunicazioni è stata un grande vantaggio per la crescita del numero di persone che parlano la lingua. La semplicità della lingua permette di raggiungere una conoscenza soddisfacente in meno tempo rispetto a qualsiasi altra lingua etnica.

In quest'ottica, il recente congresso mondiale in Piemonte è stato l'evento centrale dell'anno per studiosi e appassionati, che nei sette giorni di manifestazione hanno potuto riflettere insieme su un tema di grande attualità, "Immigrazione e confluenza dei valori umani, l'esperienza inclusiva di Torino".

Inclusivo come la pratica dell'esperanto, che ha nel suo DNA la volontà di instaurare un dialogo tra popolazioni diverse, cercando di superare ostilità e conflitti - alimentati, secondo il creatore, anche da incomprensioni linguistiche - attraverso l'uso di un idioma universale, appartenente all'umanità e non a un singolo popolo.

Infatti, fin dalla sua nascita, l'esperanto ha funzionato con guerre e conflitti che hanno messo a dura prova i suoi studiosi, culturalmente inclini al dialogo. Tuttavia, in queste situazioni sono spesso vittime di discriminazioni e persecuzioni a causa della loro capacità di ricevere informazioni al di fuori dei canali ufficiali.

Secondo gli esperti, i cambiamenti sociali che hanno seguito i conflitti del secolo scorso hanno gradualmente consegnato all'oblio gli idiomi nazionali dei Paesi più piccoli e con minori risorse. Ciò ha inevitabilmente costretto gli abitanti di questi Stati a utilizzare le lingue dei Paesi dominanti, una pratica fortemente diffusa tra gli esperantisti. L'esperanto rappresenta un idioma sovranazionale e neutrale, che permette a tutti i gruppi di connettersi e scambiare informazioni senza discriminazioni, ma anzi proteggendo gli idiomi considerati "minori", altrimenti destinati all'estinzione dalle lingue delle nazioni più forti.

La bandiera dell'esperanto, il verda stelo, riassume la filosofia esperantista. Il verda stelo è formato da uno sfondo verde con un riquadro bianco nell'angolo superiore sinistro con al centro una stella verde a 5 punte, che rappresenta i cinque continenti abitati. Il colore verde indica anche la speranza in un futuro migliore, mentre il bianco rappresenta la neutralità e la pace.

Gli esperantisti cattolici hanno sempre mantenuto un legame profondo con il cattolicesimo. Infatti, durante il congresso di Torino è stato proposto un programma separato per gli esperantisti cattolici, guidato dalla presidente Marija Belošević. Il legame, iniziato già all'inizio del Novecento, si è consolidato dopo la Seconda guerra mondiale, quando Pio XII, in un'udienza generale del 1950, accolse nella propria lingua gli esperantisti che erano venuti a incontrarlo. Nel 1966, due anni dopo che Paolo VI aveva riconosciuto pubblicamente l'importanza del movimento cattolico esperantista e l'utilità della lingua, l'esperanto è stato ufficialmente riconosciuto come lingua in cui è possibile celebrare la Messa e pregare. Da allora, in occasione della benedizione Urbi et Orbi a Natale e a Pasqua, il Papa ha occasionalmente fatto gli auguri in esperanto. Anche alcuni programmi della Radio Vaticana sono trasmessi in questa lingua.

Published in Notizie (CITOC)
Tagged under

OSV News ha designato San Tito Brandsma come patrono dell'organizzazione. Si tratta di un importante riconoscimento da parte dell'organizzazione giornalistica di Brandsma come modello per i giornalisti. OSV News è il servizio giornalistico nazionale e internazionale nato dopo la cessazione del Catholic News Service alla fine del 2022.

"Quando il team di OSV News si è riunito nell'ottobre 2022 per la prima sessione di pianificazione e il ritiro, sapevamo di volere un santo patrono che intercedesse per il nostro team e il nostro lavoro. Il problema era capire chi scegliere", ha dichiarato Gretchen Crowe, caporedattore di OSV News. "Abbiamo preso in considerazione, naturalmente, San Francesco di Sales, l'amato santo dei giornalisti cattolici. Abbiamo anche discusso di San Massimiliano Kolbe, San Giovanni Apostolo, San Paolo, Santa Teresa d'Avila, Santa Caterina da Siena e il Beato Carlo Acutis, tra gli altri".

OSV News ha persino preso in considerazione l'idea di compilare quello che una persona ha definito un "consiglio di amministrazione spirituale" con alcuni santi. "Ma alla fine abbiamo scelto San Tito Brandsma per il suo abbraccio del giornalismo cattolico come mezzo di evangelizzazione - un punto che è al centro della missione di OSV News - e per la sua potente e coraggiosa testimonianza come discepolo di Gesù Cristo", ha detto Crowe, che quest'anno è stato eletto presidente della Catholic Media Association.

Ha detto che, oltre alla predicazione e al lavoro nell'editoria, in cui fondò e diresse giornali e riviste, il lavoro di San Tito nella stampa cattolica lo mise in condizione di opporsi ai nazisti, che cercavano di costringere le pubblicazioni a stampare la loro propaganda. Negli anni '30 nei Paesi Bassi c'erano più di 30 quotidiani cattolici.

San Tito pagò il prezzo più alto per la sua opposizione, venendo arrestato, imprigionato e giustiziato il 26 luglio 1942 nel campo di concentramento di Dachau.

"Il team di OSV News è rimasto molto colpito da questa storia e dalla coraggiosa testimonianza di San Tito nel difendere la verità, e così lo abbiamo adottato come nostro patrono all'inizio del nostro lavoro", ha detto Crowe.

Anche il carmelitano Michael Driscoll di Boca Raton, nel sud della Florida, che è stato guarito da un melanoma metastatico grazie alle preghiere di migliaia di persone a San Tito, sta incoraggiando attivamente i leader cattolici a riconoscere il santo olandese come patrono moderno dei giornalisti. La guarigione di p. Michael è stata accettata come il miracolo necessario per la canonizzazione del carmelitano olandese.

All'inizio di quest'anno, durante un'intervista con un piccolo gruppo di giornalisti, Papa Francesco ha parlato apertamente del suo sostegno all'idea che San Tito diventi un nuovo patrono dei giornalisti.

Tale riconoscimento di San Tito verrebbe da Papa Francesco. Anche i giornalisti accreditati in Vaticano hanno mostrato il loro sostegno pubblico per la sua designazione. Durante la settimana di attività che precede la canonizzazione nel maggio 2022, hanno inviato una lettera al Santo Padre chiedendo il riconoscimento di San Tito.

In uno dei più forti atti di resistenza della Chiesa nei confronti dei nazisti, i vescovi dei Paesi Bassi vietarono ai giornali cattolici di pubblicare annunci pubblicitari degli occupanti tedeschi. Padre Brandsma, che era il collegamento dei vescovi con l'Associazione dei giornalisti cattolici romani, scrisse una lettera a tutti i direttori dei giornali cattolici, dicendo che le pubblicazioni "non possono permettere queste pubblicità (dell'Unione Nazionalsocialista, nazista) se vogliono mantenere la loro identità cattolica". Si è poi recato a visitare i vari direttori per incoraggiarli a rimanere fedeli alla loro vocazione di giornalisti cattolici.

(Adattato da Florida Catholic, William Cone, San Tito dovrebbe essere il patrono dei giornalisti?, 12 luglio 2023)
Published in Notizie (CITOC)
Tagged under
Giovedì, 27 Luglio 2023 07:19

S. Tito Brandsma, sacerdote e martire

26 Luglio | Memoria (Festa: Ger, Phil, Del Colombia)

S. Tito fu noto per la sua disponibilità verso tutti e in tutto. Prima e durante l'occupazione nazista dell'Olanda, egli lottò, con forza e con fedeltà al Vangelo, contro il diffondersi delle ideologie nazionalsocialiste e difese la libertà delle scuole e della stampa cattolica. Per questo venne arrestato. 

Passato in vari carceri e lager, alla fine fu internato a Dachau ove, il 26 luglio 1942, fu ucciso. E' stato proclamato beato martire da Giovanni Paolo II il 3 novembre 1985 ed è stato canonizzato da Papa Francesco il 15 maggio 2022, in Piazza San Pietro.

La petizione dell'Ordine di cambiare la celebrazione di San Tito Brandsma da memoria facoltativa a memoria obbligatoria per tutto l'Ordine è stata accolta. Le Province della Germania e delle Filippine e la Delegazione Generale della Colombia, che hanno come patrono San Tito, celebreranno la giornata come una festa liturgica.
 

Per saperne di più sulla vita di San Tito Brandsma

 

Riflessioni sulla presenza di San Tito oggi
      Dal sito web dell'Ordine - ocarm.org
 

Libri disponibili su San Tito Brandsma, O. Carm.
      Vai qui

Published in Notizie (CITOC)
Pagina 1 di 5

Avviso sul trattamento dei dati digitali (Cookies)

Questo sito web utilizza i cookies per eseguire alcune funzioni richieste e per analizzare la fruizione del nostro sito web. Raccoglieremo le tue informazioni solamente se completi i nostri moduli di iscrizione o di richiesta di preghiera, in modo da poter rispondere alla tua e-mail o inserire le tue intenzioni / richieste nella preghiera. Non utilizziamo i cookies per personalizzare i contenuti e gli annunci. Nessuna informazione, acquisita tramite i nostri moduli di contatto via posta elettronica, verrà condivisa con terze persone. "Le tue informazioni" restano "le tue informazioni personali".