Menu

carmelitecuria logo it

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

Displaying items by tag: Calendar of Feasts and Memorials

Mercoledì, 15 Maggio 2024 07:29

Memoria di San Simone Stock, Religioso

16 Maggio Memoria facoltativa (Memoria obbligatoria nella provincia della Gran Bretagna)

Per quanto risulti dalle "notizie" più antiche, Simone Stock fu un Priore Generale inglese, venerato per la sua santità, e morto verso il 1265 a Bordeaux in Francia. Dopo la sua morte, i pellegrini che visitarono la sua tomba hanno registrato i suoi miracoli, dando così nel sec. XIV inizio ad un culto locale.

Verso il sec. XV, nei Paesi Bassi, emerse una leggenda circa un certo "San Simone" che aveva avuto una visione della Nostra Signora, nella quale Lei gli appariva con lo scapolare promettendogli: "Questo è il privilegio per te e per i tuoi: chiunque morirà rivestendolo, sarà salvo." In pochi anni, i due racconti furono uniti e a Simone Stock, il Priore Generale, fu accreditata la visione della Nostra Signora. Il nuovo racconto fu rapidamente elaborato con dettagli biografici immaginari circa la vita di Simone, come la sua nascita a Kent in Inghilterra, la sua vita eremitica vissuta in un tronco di un albero, e la composizione del Flos Carmeli (un inno carmelitano molto bello alla Nostra Signora che in realtà era noto già nel sec. XIV, e dunque prima della leggenda).

Lo scapolare carmelitano e le sue confraternite

Lo scapolare consiste essenzialmente in due pezzi di stoffa, legati da sottili cordoncini, che poggiano uno sulle spalle (tra le "scapole") e l'altro sul petto. L'oggetto, oggi utilizzato a scopo devozionale, trae origine dallo scapolare "notturno" usato dai religiosi per non dover mai mancare l'abito proprio, nemmeno di notte.

A partire dalla metà del XIII secolo, i laici iniziarono ad affiliarsi all'Ordine per condividerne i benefici spirituali. Lo scapolare veniva offerto dall'Ordine anche come espressione di gratitudine e riconoscimento ai benefattori. Lo scapolare finì per costituire un mezzo abituale di consegna dell'abito ai laici e la conseguente aggregazione giuridico-spirituale alla famiglia religiosa. Il mantello bianco, segno dell'Ordine nel Medioevo, veniva consegnato ai laici al momento della loro associazione.

Cominciarono a circolare storie sul dono miracoloso dell'abito da parte del Signore o della Madonna ai fondatori o ai santi dei vari Ordini. Di conseguenza, esistono numerosi scapolari. Si distinguono per colori e immagini diverse, proprio per il largo uso che ne fecero le varie famiglie religiose e, nel tempo, come segno di consacrazione secondo le diverse forme di spiritualità.

Dalla fine del XV secolo i Carmelitani iniziarono a consegnare lo scapolare, considerato l'abito dell'Ordine per i laici da aggregare all'Ordine. Nacque così la Confraternita dello Scapolare, che finì praticamente per soppiantare o sostituire le precedenti forme di aggregazione dei laici all'Ordine. Queste confraternite si trovavano anche in chiese non appartenenti all'Ordine.

Un elemento tipico dell'uso devozionale dell'abito religioso tra i laici era che il Signore o la Madonna lo donassero ai religiosi. Due visioni sono associate allo scapolare carmelitano, entrambe riguardanti la Madonna ed entrambe dubbie come eventi storici. Nel caso dell'apparizione a San Simone Stock, racconti di visioni simili si trovano continuamente nelle tradizioni delle diverse famiglie religiose.

Le origini stesse dell'Ordine fanno riferimento, da un lato, alla protezione di Maria e, dall'altro, alla "dedizione" dei Carmelitani a colei che è considerata signora, sovrana perché Maria è la Madre del Signore. Anche dopo la loro partenza dalla Terra Santa, i Carmelitani hanno continuato a considerarsi sudditi del Signore Gesù e quindi di sua Madre.

I membri della maggior parte delle confraternite del XVII e XVIII secolo mostrano di essere aperti a persone di tutte le classi: nobili, borghesi, operai, contadini, artigiani, sia ricchi che poveri. Questo tipo di unità tra membri di diversa estrazione sociale durò a lungo. Era una caratteristica delle confraternite scapolari rispetto ad altri tipi di confraternite, anche religiose.

La soppressione dei gruppi religiosi nel XIX secolo ha distrutto quasi completamente la rete delle confraternite scapolari. Quelle che sono sopravvissute molto spesso continuano a esistere senza molti contatti con l'Ordine. Le opere di misericordia scomparvero quasi del tutto e ciò che rimase fu più filantropico che di carità cristiana. Con il Codice di Diritto Canonico del 1917, le confraternite furono riorganizzate. La devozione dello scapolare si sviluppò sempre più come segno della protezione di Maria, con l'aspetto della consacrazione a Maria e le esigenze di un'alleanza stipulata con Maria ormai scritta.

Ora per godere dei privilegi legati allo scapolare è sufficiente riceverlo da una persona autorizzata e far scrivere il proprio nome nel registro generale delle confraternite dell'Ordine. Questa facoltà è stata estesa a tutti i sacerdoti ed è stata eliminata la necessità di avere un registro delle iscrizioni. La cosiddetta "Regola del Terz'Ordine Carmelitano" stabilisce le norme per uno stile di vita evangelico. Il documento riflette i valori carmelitani, proponendo un impegno nella preghiera, nei sacramenti, nelle opere di giustizia e nell'edificazione della persona umana secondo il disegno di Dio.

Leggi di più

Published in Notizie (CITOC)
Mercoledì, 08 Maggio 2024 07:47

Memoria di Giorgio Preca, sacerdote

Maggio 9, 2024 | Memoria facoltativa (Memoria obbligatoria nella provincia di Malta)

Sacerdote diocesano, Giorgio Preca dedicò la sua vita alla predicazione e alla catechesi. Nel 1907 fondò la Società della Dottrina Cristiana o MUSEUM (Magister utinam sequatur Evangelium universus mundus).

Il suo prolifico apostolato fu il frutto di una vita di preghiera e di costante meditazione della Parola di Dio. La sua spiritualità era basata sull'umiltà e sulla mitezza. Divenne carmelitano laico nel 1918 e, in riconoscimento della sua opera di diffusione della devozione a Nostra Signora del Monte Carmelo, fu affiliato all'Ordine nel 1952 dal priore generale dell'epoca, Killian Lynch.

I processi canonici per la sua beatificazione sono stati avviati nel marzo 1975. San Giovanni Paolo II lo ha dichiarato "beato" il 9 maggio 2001 ed è stato canonizzato da Papa Benedetto XVI il 3 giugno 2007.

La seconda lettura della Liturgia delle Ore è tratta dagli scritti del santo. Egli proclama le virtù di Dio nella contemplazione della bellezza del creato e del suo agire, pieno di misericordia e di amore, verso coloro che lo cercano e lo riconoscono senza timore.

(da Emanuele Boaga, O. Carm., Celebrating the Saints of Carmel. (Roma: Edizioni Carmelitane, 2010).

Leggi di più

Published in Notizie (CITOC)
Martedì, 07 Maggio 2024 07:26

Beato Aloysius Rabatà, sacerdote

8 maggio | Memoria facoltativa
B. Luigi Rabatà, sacerdote

Le informazioni sul Beato provengono dalle testimonianze raccolte per gli Atti del processo diocesano del 1533 per la beatificazione di Aloysius Rabatà. Gli Atti contengono, come ci si aspettava, dettagli sul suo carattere, sulle opere compiute e sulla sua morte, nonché sul suo aspetto fisico e sulle sue abitudini alimentari. Cinque degli undici testimoni conoscevano personalmente il Beato, quindi le informazioni sono considerate abbastanza accurate. Le agiografie successive si limitano a ripetere queste informazioni e a fornire altri dettagli che hanno meno probabilità di essere accurati.

Dalla lettura delle varie testimonianze contenute negli Atti del 1533 emerge chiaramente che Luigi Rabatà era considerato un uomo estremamente virtuoso e un santo già in vita. Infatti, ci sono molti riferimenti alla sua "santità" e alla sua vita piena di pratiche di digiuno e di opere di carità.

Nel 1756 il Capitolo generale dell'Ordine decretò di chiedere l'approvazione del suo culto "ab immemorabili". Questa fu concessa il 10 dicembre 1841 da Papa Gregorio XVI.

Leggi di più ...

Dal libro di Marco Papasidero, "A Laudi Deu." Luigi Rabatà tra storia, memoria e pratiche devozionali. (Edizioni Carmelitane, 2019) €14.00

Published in Notizie (CITOC)
Venerdì, 03 Maggio 2024 08:26

Memoria del B. Ángel Prat Hostench e 16 Compagni

4 maggio | Memoria facoltativa | Memoria obbligatoria nelle province della Spagna

PREGHIERA

Dio onnipotente, tu che hai dato ai tuoi beati Ángel Maria Prat Hostench, Lucas de San José Tristany Pujol, presbiteri, e compagni, la grazia di donarsi fino alla morte per confessare la tua parola e dar testimonianza a Gesù, concedici la forza dello Spirito Santo, per rimanere fedeli nella fede e forti nella confessione del tuo nome. Per il nostro Signore.

Per saperne di più sulla vita di questi martiri ...

Published in Notizie (CITOC)

Dal Vicepostulatore della Causa di Isidoro Bakanja
La Famiglia Carmelitana celebra il 30° anniversario della beatificazione del Beato Isidoro Bakanja

Il 24 aprile 1994, il Beato Isidore Bakanja, laico e martire dello Scapolare della Vergine Maria del Monte Carmelo, è stato beatificato da Papa Giovanni Paolo II. Oggi l'Ordine si riunisce per celebrare il 30° anniversario del riconoscimento da parte della Chiesa della santità di questo cattolico congolese che non volle rinunciare al suo scapolare.

Isidore Bakanja nacque a Bokendela (Repubblica Democratica del Congo) intorno al 1885. Lasciato il suo villaggio, si trasferì a Mbandaka, dove fu battezzato il 6 maggio 1906 e confermato pochi mesi dopo, il 25 novembre 1906. Fu fortemente influenzato dalla testimonianza dei missionari trappisti, coltivando una particolare devozione a Gesù e alla Beata Vergine Maria.

Nonostante le difficoltà incontrate sul lavoro a causa della sua fedeltà a Cristo, rimase saldo nella sua fede. Il 2 febbraio 1909 subì un'atroce flagellazione perché si rifiutò di liberarsi dello scapolare della Vergine del Monte Carmelo che portava sulle spalle. Dopo le terribili percosse e percependo la morte imminente, ricevette l'unzione degli infermi il 24 luglio 1909. Come Cristo morì perdonando i suoi malfattori, così Bakanja morì perdonando il suo carnefice: “L'uomo bianco mi ha colpito; sono affari suoi. Dipende da lui e da Dio. Quando sarò in paradiso, pregherò molto per lui e chiederò a Dio di perdonarlo”.

Bakanja morì il 15 agosto 1909, festa dell'Assunzione, all'età di 24 anni. A imitazione di Cristo, che aveva seguito fin dal battesimo, Isidoro Bakanja visse a modo suo, come San Paolo, che scrisse: “Per me vivere è Cristo” (Filippesi 1, 21). (Filippesi 1, 21). “Per me vivere è essere cristiano”.

Il 7 giugno 1917, i suoi resti furono esumati e sepolti nella parrocchia dell'Immacolata Concezione a Bokote. È stato proclamato beato il 24 aprile 1994. La sua causa di canonizzazione è ora in corso. I Papi Benedetto XVI e Francesco hanno riconosciuto e proposto il Beato Isidoro Bakanja come autentico testimone ed esempio di fede per tutti i cristiani del mondo. Nella sua Esortazione apostolica post-sinodale Christus vivit, Papa Francesco ha nominato il Beato Isidoro Bakanja tra i giovani santi che oggi mobilitano i cristiani nella ricerca della santità e ispirano nuove conversioni. In breve, il Beato Isidoro Bakanja è un patrimonio spirituale ed ecclesiale per il mondo.

Leggere di più

Published in Notizie (CITOC)

17 Aprile Memoria

Una delle controversie tra l'Ordine e le Congregazioni mantovane riguardava l'abito da indossare per i membri. Il Capitolo generale di Asti del 1472, con l'aiuto non indifferente di Papa Sisto IV, secondo l'opinione comune, elesse Cristoforo Martignoni, membro di spicco della Congregazione mantovana. Tuttavia, il generalato di Martignoni sarà segnato da continui conflitti con la Congregazione mantovana. Secondo lo storico carmelitano Joachim Smet, Martignoni era appassionato di buon ordine: uniformità di abiti, vita e dottrina nell'Ordine.

Oltre a un importante cambiamento nell'allineamento delle case dell'Ordine in Italia, Martignoni cercò di unificare l'abito in tutto l'Ordine e tentò di farlo con un decreto del Capitolo del 1471. La Congregazione mantovana iniziò una campagna di opposizione. Per loro, la forma originale dell'abito simboleggiava il tentativo di tornare alle fonti dello spirito dell'Ordine. Adottare l'abito dei conventuali sembrava equivalere a dissolvere la riforma. Nel 1475 il papa sospese la discussione, in attesa di una sua decisione, per poi riaprire la questione con il successore di Martignoni nel 1483.

A questo punto, il vicario della Congregazione mantovana era il famoso poeta Battista Spagnoli. Egli inserì nelle sue Ecloghe un dialogo tra una rana (un frate riformato) e una formica (un conventuale) sul colore dell'abito. Riuscì a tenere aperta la questione, finché il 26 maggio 1484 ottenne da Sisto IV una decisione definitiva a favore della Congregazione mantovana: mantenere l'abito grigio.

Leggi di più

Published in Notizie (CITOC)
Lunedì, 18 Marzo 2024 14:20

San Giuseppe, un santo per il nostro tempo

In un delizioso libretto su San Giuseppe, il cardinale Suenens ha scritto:

"È stato detto che la cosa peggiore che possiamo fare ai santi è metterli su un piedistallo. Nel caso di Giuseppe, potremmo criticare non solo il piedistallo, ma anche l'immagine di lui che troppo spesso ci viene presentata"[1].

Un altro scrittore francese contemporaneo, A. Doze, parla di "disinformazione" su di lui e dice che disinformare significa diffondere voci false per meglio condurre le persone fuori strada.[2]

Eppure San Giuseppe è una figura per certi versi oscura. Nel Nuovo Testamento c'è poco su di lui, anzi ci si potrebbe chiedere chi fosse suo padre, dal momento che c'è una certa discrepanza nelle genealogie di Matteo e Luca: Matteo sembra pensare che il padre si chiamasse Giacobbe (cfr. Matteo 1:16); Luca sembra considerarlo figlio di Heli (cfr. Luca 3:23). A volte Giuseppe sembra essere cancellato dalla storia. Si trovano immagini dell'Adorazione dei Magi con tre o quattro figure orientali, ma nessun Giuseppe. Eppure non si può negare l'appropriatezza del titolo di un libro diffuso a metà del secolo scorso, L'uomo più vicino a Cristo[3]. Egli ha sempre avuto un posto sicuro nel cuore dei cristiani cattolici durante il secondo millennio.

Negli ultimi decenni c'è stata una rinnovata attenzione nei suoi confronti da parte di teologi e scrittori spirituali. Esistono due riviste accademiche dedicate agli studi sul santo: Cahiers de joséphologie, pubblicata a Montreal dal 1953 e Estudios josefinos di Valladolid dal 1947. Papa Giovanni Paolo II ha consegnato alla Chiesa una lettera sul santo, "Custode del Redentore: Sulla persona e la missione di San Giuseppe nella vita di Cristo e della Chiesa"[4].

L'interesse per San Giuseppe ha attraversato i secoli. A volte si tratta di un riflesso diretto di ciò che accade nella società; altre volte vediamo la devozione a San Giuseppe quasi in parallelo o addirittura in negazione della realtà delle difficoltà della Chiesa. Anche la scrittura su di lui ha avuto diversi obiettivi. Alcuni scrittori ci hanno fornito verità su Giuseppe. Altri hanno suggerito che è un modello da imitare. Molti hanno parlato della sua intercessione. Due sono particolarmente significativi. Le preoccupazioni della Scuola francese ci invitano non tanto a immaginare per noi stessi i dettagli della vita nascosta, quanto a entrare in essa intuitivamente e con empatia. Teresa d'Avila sembra andare oltre: ha una relazione dinamica e viva con il santo.

Approfondimenti contemporanei

Il XX secolo ci ha regalato alcuni importanti sviluppi nella teologia e nella devozione di San Giuseppe. In questo periodo ci sono alcune intuizioni teologiche di qualità, spesso provenienti da fonti sorprendenti. Possiamo citarne due. Il grande teologo calvinista K. Barth, che vedeva nella mariologia l'arci-eresia di Roma, aveva un posto speciale per Giuseppe. Egli disse notoriamente:

"Se fossi un teologo cattolico romano, loderei Giuseppe. Si è preso cura del Bambino; si prende cura della Chiesa"[5].

Un altro è il teologo della Chiesa riformata, J.J. von Allmen, che critica la Costituzione sulla Chiesa del Vaticano II per non aver nemmeno menzionato San Giuseppe nel suo ottavo capitolo su "La Beata Vergine Maria, Madre di Dio, nel mistero di Cristo e della Chiesa", anche se il Concilio ha fatto riferimento a Elisabetta, ai pastori, ai Magi, a Simeone. Si può facilmente concordare sul fatto che le persone possano avere una genuina devozione per Giuseppe, ma che non gli facciano sufficiente pubblicità nel considerare il mistero dell'Incarnazione.

In questa sezione considereremo due fonti per la comprensione di Giuseppe nel nostro tempo: la liturgia e l'insegnamento papale del XX secolo, in particolare l'esortazione apostolica di Giovanni Paolo II, "Custode del Redentore: Sulla persona e la missione di san Giuseppe nella vita di Cristo e della Chiesa"[7].

La liturgia

La teologia moderna afferma con forza un'antica verità: la liturgia è una delle principali fonti della teologia. L'aforisma spesso trasposto e variamente tradotto, lex credendi... lex orandi,[8] mostra come minimo la compenetrazione tra fede e culto. I fatti dell'evoluzione liturgica di San Giuseppe possono essere brevemente delineati.

Le celebrazioni liturgiche in onore di Giuseppe erano inizialmente diocesane o limitate a ordini o congregazioni religiose. Con le riforme liturgiche successive a Trento, la festa di San Giuseppe divenne universale, e ricevette un rango più elevato quando Pio IX proclamò Giuseppe "Patrono della Chiesa" durante il Concilio Vaticano I (8 dicembre 1870). Il Codice di Diritto Canonico del 1917 l'ha definita una festa obbligatoria.[9] Un problema nasceva dal fatto che veniva celebrata in Quaresima, e quindi senza una piena solennità o un'ottava. Già nel XVII secolo esisteva un'altra festa chiamata Patronato di San Giuseppe, poi chiamata Solennità di San Giuseppe. Si celebrava il mercoledì della seconda settimana dopo Pasqua. Pio XII, che aveva molto a cuore la minaccia del comunismo, la trasformò in una festa di Giuseppe Lavoratore, assegnandola al 1° maggio, celebrazione del Primo Maggio marxista. Come molte innovazioni liturgiche imposte dall'autorità piuttosto che nate dalla base, questa festa non ha mai preso piede e nella riforma liturgica del 1969 è stata ridotta a una memoria facoltativa.

Sebbene non sia un testo liturgico, si può notare l'approvazione delle Litanie a San Giuseppe nel 1909. Negli ultimi secoli la Chiesa è stata piuttosto cauta nei confronti delle litanie, che possono essere così esuberanti o inverosimili da perdere il contatto con la verità. I vescovi locali non potevano più approvarle per la recita pubblica dopo il Codice di Diritto Canonico del 1917.[10] Inizialmente la litania di San Giuseppe era solo per uso privato, in seguito la restrizione fu eliminata.[11]

I testi delle Messe per le feste di San Giuseppe prima del Vaticano II sottolineavano la potente intercessione del santo. Lo chiamavano lo sposo (sponsus) della Madre del Figlio. Così per la festa la preghiera principale era:

"Che i meriti dello sposo della tua Madre onnipotente ci assistano, Signore, ti preghiamo; per sua intercessione ci sia concesso ciò che nessuno sforzo nostro potrebbe ottenere per noi".

La liturgia riveduta prevede "Padre, tu hai affidato il nostro Salvatore alle cure di San Giuseppe. Con l'aiuto delle sue preghiere, la tua Chiesa continui a servire il suo Signore Gesù Cristo"[12].

E per Giuseppe lavoratore abbiamo:

"Dio nostro Padre, creatore e dominatore dell'universo, in ogni tempo chiami gli uomini a usare i loro doni per il bene degli altri. Con San Giuseppe come esempio e guida, aiutaci a compiere il lavoro che hai chiesto e a giungere alla ricompensa che hai promesso".

Più interessante è il prefazio, soprattutto se ricordiamo che il prefazio di ogni Messa è una dichiarazione del perché oggi dobbiamo rendere grazie a Dio nell'Eucaristia che stiamo celebrando. La sezione chiave recita:

"Padre, Dio onnipotente e sempre vivo, facciamo bene a renderti grazie sempre e ovunque, mentre onoriamo San Giuseppe. Egli è quell'uomo giusto, quel servo saggio e leale, che tu hai posto a capo della tua famiglia. Con amore di marito ha custodito Maria, la vergine Madre di Dio (A te Deiparae Virgini Sponsus est datus). Con cura paterna ha vegliato su Gesù Cristo tuo Figlio, concepito per opera dello Spirito Santo. Per Cristo i cori degli angeli lodano e adorano...".

Non dobbiamo dimenticare che Giovanni XXIII inserì il nome di San Giuseppe nel Canone Romano [ora Prima Preghiera Eucaristica] prima dei nomi degli apostoli.

Nella nostra liturgia moderna vediamo evidenziati i temi principali della devozione: Giuseppe è sposo di Maria, custode della Sacra Famiglia, padre adottivo di Gesù e modello della Chiesa che si affida alla sua intercessione. Per trovare ulteriori sviluppi dobbiamo rivolgerci all'insegnamento papale del XX secolo.

L'insegnamento papale

Ad eccezione di Giovanni Paolo I, morto poco dopo essere diventato papa, tutti i papi del XX secolo hanno parlato di San Giuseppe. In genere incoraggiano la Chiesa a considerarlo un modello per i lavoratori, gli sposi e il protettore della Chiesa. Come nei secoli precedenti, le considerazioni sullo stato della Chiesa e del mondo determinano i punti particolari che vengono espressi dai papi. Così Benedetto XV lo vede come antidoto alla negazione di ciò che è sacro,[13] Pio XI lo rende patrono della lotta della Chiesa contro il comunismo,[14] Giovanni XXIII riassume l'insegnamento dei suoi predecessori e lo proclama protettore del Vaticano II.[15]

In documenti minori, due papi fecero proposte audaci che non sono state accolte dai teologi. Pio XI suggerì che Giuseppe appartenesse in qualche modo all'Unione Ipostatica, almeno nella misura in cui aveva ricevuto una rivelazione al riguardo.[16] Il problema del linguaggio dell'Unione Ipostatica usato per San Giuseppe, e anche per la Beata Vergine, è che si presta facilmente a fraintendimenti. Dopo aver spiegato cosa potrebbe significare, sarebbe meglio usare un linguaggio alternativo. Giovanni XXIII, grande devoto di Giuseppe, in un'omelia di canonizzazione menzionò la pia credenza, occasionalmente riscontrata nei secoli precedenti, che Giuseppe, come Giovanni Battista, fossero stati assunti in cielo il giorno dell'Ascensione.[17]

L'esortazione papale "Guardiano del Redentore"

L'insegnamento papale di gran lunga più importante su San Giuseppe è la già citata esortazione apostolica di Giovanni Paolo II Redemptoris custos (RC)[18].

L'occasione è stata il centenario della prima enciclica su San Giuseppe di Leone XIII, Quam pluries (1889). Il Papa dà anche un'approfondita ecclesiologia, o teologia della Chiesa, come motivo per scrivere:

"Sono convinto che, riflettendo sul modo in cui lo sposo di Maria ha partecipato al mistero divino, la Chiesa - in cammino verso il futuro con tutta l'umanità - sarà in grado di scoprire sempre di nuovo la propria identità all'interno di questo disegno redentivo, che si fonda sul mistero dell'incarnazione". (RC 1)

L'esortazione apostolica riprende molti dei punti tradizionalmente esposti negli scritti su San Giuseppe, nella liturgia e nell'insegnamento precedente. Ripete l'insegnamento papale degli ultimi cento anni, secondo il quale Giuseppe è il più grande dei santi dopo Maria, ma non certo un suo pari (RC 4, 7). La traduzione ufficiale del Vaticano, che purtroppo riporta in inglese lo stile denso e un po' turgido dell'originale latino, non rende giustizia alle parole del Papa. Non è il caso di ripetere il costante ritornello sul fatto che Giuseppe fosse un "uomo giusto" (cfr. Mt 1,19), se non per notare che il papa dà una lettura molto attenta dei passi scritturali che riguardano Giuseppe. Ci concentriamo piuttosto su quello che è nuovo e sembrerebbe più significativo per il nostro tempo.

Giuseppe nel piano divinoArt.Carmelite.Joseph.Statute.Middletown.450

Vale la pena notare che il Papa dà un ordine particolare al ruolo di Giuseppe:

"Egli si prese amorevole cura di Maria e si dedicò volentieri all'educazione di Gesù Cristo; allo stesso modo veglia e protegge il Corpo Mistico di Cristo". (RC 1)

Una chiave dell'esortazione è il fatto che Giuseppe è entrato e ha condiviso il mistero della redenzione.

L'Incarnazione è il mistero al quale Giuseppe di Nazareth ha "partecipato" (commuicavit) come nessun altro essere umano, eccetto Maria... vi ha partecipato con lei; è stato coinvolto nello stesso evento salvifico; è stato custode dello stesso amore, per mezzo del quale l'eterno Padre ci ha "destinati a essere suoi figli per mezzo di Gesù Cristo" (Ef 1,5)". (RC 1)

Una delle idee più importanti del Papa è quella della fede di Giuseppe. Egli fa infatti riferimento a due annunci: l'apparizione dell'angelo a Maria a Nazareth (cfr. Luca 1, 26-38) e l'apparizione dell'angelo in sogno a Giuseppe (cfr. Matteo 1, 18-25). La risposta di entrambi è l'obbedienza: Maria disse di sì al messaggio dell'angelo; Giuseppe fece ciò che l'angelo gli aveva ordinato (RC 2-3, 17). All'inizio del suo "pellegrinaggio di fede... la fede di Maria incontra la fede di Giuseppe" (RC 4): entrambi manifestano l'obbedienza della fede allo stesso mistero.(RC 4) In questo modo, insieme a Maria, Giuseppe diventa custode del mistero divino dell'Incarnazione (RC 5).

Marito e padre

L'esortazione papale tratta a lungo il doppio ruolo di Giuseppe descritto nel Vangelo come marito di Maria e padre di Gesù:

"E se è importante per la Chiesa professare la concezione verginale di Gesù, non è meno importante sostenere il matrimonio di Maria con Giuseppe, perché da esso dipende giuridicamente la paternità di Giuseppe". (R 7)

Maria e Giuseppe sono marito e moglie (RC 7, 17-21). Il Papa ripete l'insegnamento dei santi Agostino e Tommaso d'Aquino su questo matrimonio: "un'unione indivisibile di anime, un'unione di cuori e di consensi" (RC 7). Fin dal secondo secolo è stata insegnata l'immagine di Maria come nuova Eva - Cristo è il nuovo Adamo (cfr. Rm 5,14-19). Ma il Papa guarda di nuovo al testo della Genesi e afferma:

"Ma mentre Adamo ed Eva erano la fonte del male, che si è scatenato sul mondo, Giuseppe e Maria sono il vertice da cui la santità si diffonde sulla terra. Da questa unione verginale e sacra il Salvatore ha iniziato l'opera della salvezza" (ex virginali et sacra coniunctione incohavit RC 7).

Egli ne fa subito un'applicazione alla vita familiare, perché essa "ha la missione di custodire, rivelare e comunicare l'amore" e ha tanto da imparare dalla Sacra Famiglia, che è stata veramente "la Chiesa domestica originale che ogni famiglia cristiana" deve rispecchiare (RC 7). Infatti, "la Chiesa venera profondamente questa Famiglia e la propone come modello di tutte le famiglie" (RC 21). Una teologia cattolica che si concentra troppo esclusivamente su Maria può dimenticare il profondo amore umano tra lei e suo marito, un punto sottolineato dal Papa:

"Giuseppe prese sua moglie, ma non la conobbe finché non ebbe partorito un figlio" (Mt 1, 24-25). Queste parole indicano un altro tipo di vicinanza nel matrimonio. La profonda vicinanza spirituale che scaturisce dall'unione coniugale e il contatto interpersonale tra l'uomo e la donna hanno la loro precisa origine nello Spirito, il Datore di Vita (cfr. Giovanni 6:63). Giuseppe, in obbedienza allo Spirito, ha trovato nello Spirito la fonte dell'amore, l'amore coniugale che ha sperimentato come uomo. E questo amore si è rivelato più grande di quanto questo "uomo giusto" "potesse aspettarsi nei limiti del suo cuore umano". (RC19)

Giovanni Paolo cita l'enciclica di Leone XIII che notava che il matrimonio è una condivisione. Quindi Giuseppe non era solo il protettore di Maria, ma Dio "ha dato Giuseppe a Maria perché partecipasse, attraverso il patto matrimoniale, alla sua sublime grandezza" (RC 20). Conosciamo il simbolismo nuziale di Cristo e della Chiesa,[19] ma Papa Giovanni Paolo nota che i due tipi di amore tra Maria e Giuseppe, quello coniugale e quello verginale, rappresentano insieme il mistero della Chiesa (RC 20). Alcuni autori moderni usano il termine "missioni complementari" di Maria e Giuseppe.[20]

L'esortazione riassume le tradizioni scritturali, liturgiche e papali parlando della paternità di Giuseppe: egli ha fatto della sua vita un servizio all'Incarnazione; ha avuto autorità legale sulla Sacra Famiglia; ha vegliato sul Figlio di Dio con cura paterna; ha mostrato a Gesù tutta l'affettuosa sollecitudine che un cuore di padre può conoscere; gli è stata affidata tutta la vita cosiddetta "privata" o "nascosta" di Gesù. Gesù, a sua volta, "gli obbediva e gli rendeva quell'onore e quella riverenza che i figli devono al padre" (RC 8). È una paternità autentica, non sostitutiva: è una paternità "che partecipa pienamente all'autentica paternità umana e alla missione del padre nella famiglia" (RC 21). Sia Luca che Matteo notano che Giuseppe assume il ruolo di padre chiamando il bambino Gesù (RC 7, 12). Le parole di Maria confermano la realtà di Nazareth: "Tuo padre e io ti cercavamo" (Lc 2,48, cfr. RC 15), che Luca attesta altrove parlando dei genitori di Gesù (Lc 2,33, 41-RC 21).

Troviamo una sintesi del ruolo di Giuseppe nei confronti di Gesù e Maria nel commento del Papa sul soggiorno in Egitto: "Giuseppe, custode e cooperatore del mistero provvidenziale di Dio... ha vegliato su colui che realizza la Nuova Alleanza" (RC 14).

La vita nascosta a Nazaret è descritta con attenzione

"La crescita di Gesù "in sapienza e statura" (Lc 2,52) avvenne all'interno della Sacra Famiglia sotto gli occhi di Giuseppe, che aveva l'importante compito di "allevare" Gesù, cioè di nutrirlo, vestirlo e istruirlo nella Legge e in un mestiere, secondo i doveri di un padre".

E questo brano si conclude con l'immagine di Gesù al lavoro al fianco di Giuseppe (RC 16, v. 22 23).

Nazareth: lavoro e vita interiore

Papa Giovanni Paolo II, come ci si poteva aspettare, presenta Giuseppe come un lavoratore e quindi un modello per tutti i cristiani. C'è una novità: si dice che il lavoro è "l'espressione quotidiana dell'amore nella vita della Famiglia di Nazareth" (RC 22). Seguendo Paolo VI, il Papa mostra che la santità è aperta a tutti:

"San Giuseppe è il modello di quegli umili che il cristianesimo innalza a grandi destini... è la prova che per essere un buon e genuino seguace di Cristo non c'è bisogno di fare grandi cose, basta avere le virtù comuni, semplici e umane, ma devono essere vere e autentiche" (RC 24).

L'enciclica si concentra sulla vita interiore: "Ogni giorno Giuseppe andava in compagnia del mistero nascosto da tutti i secoli, che abitava sotto il suo tetto" (RC 25).[21] Il Papa guarda alle conseguenze per la spiritualità e la vita interiore dell'intimità della casa di Nazareth. Poiché l'amore e la guarigione provengono da Gesù nel suo ministero, noi come Maria e Giuseppe dobbiamo entrare profondamente nel mistero dell'Incarnazione. In Giuseppe le due vite, contemplativa e attiva, si armonizzano idealmente: in lui vediamo l'amore agostiniano per la verità (caritas veritatis) unito alle esigenze dell'amore (necessitas caritatis).

Patrono della Chiesa

Ogni epoca, a quanto pare, vede la Chiesa minacciata, soprattutto negli ultimi cento anni da quando Giuseppe è stato nominato suo Patrono. Il documento papale indica varie situazioni in cui sono necessari l'esempio e l'intercessione di Giuseppe: l'evangelizzazione e la rievangelizzazione, il matrimonio, le virtù evangeliche, il peccato e le tenebre che ci circondano, la necessità di servire la missione salvifica di Cristo e di entrare pienamente nel mistero dell'Incarnazione (RC 28-32).

Conclusione

La liturgia della Chiesa di oggi e l'insegnamento papale che abbiamo tracciato forniscono alcuni indicatori importanti per noi oggi. Non possiamo più trascurare la considerazione di Giuseppe quando studiamo la mariologia. Pur essendo silenzioso, Giuseppe non è una figura periferica nel piano di salvezza. Per il nostro tempo il suo stesso silenzio è una forte sfida ai valori correnti nella nostra società, l'esaltazione del successo, della realizzazione e dell'autorealizzazione. Giuseppe indica il valore supremo della vita interiore; vive in totale dedizione a Gesù e a Maria. Giuseppe indica l'amore e il sacrificio come norme chiave del matrimonio cristiano. In Maria e Giuseppe uomini e donne trovano la loro identità più vera. Allo stesso modo la Chiesa.

Vorrei sottolineare l'urgente necessità di ulteriori studi su Giuseppe in due aree e da due fonti. La Chiesa ha bisogno di ascoltare e imparare da coloro che hanno matrimoni in cui, per un motivo o per l'altro (salute, situazioni sociali, libera scelta, ecc.) non ci sono rapporti sessuali. Il loro punto di vista sul matrimonio potrebbe aiutarci a capire molto di più su quel marito e quella moglie che erano Giuseppe e Maria. Hanno qualcosa da dire alla Chiesa che i teologi celibi, uomini o donne, non possono nemmeno lontanamente immaginare. Allo stesso modo, abbiamo bisogno di sentire i padri che hanno adottato dei bambini: qual è la loro esperienza di legame con il figlio? Anche gli uomini che hanno sposato donne con figli avuti da un precedente matrimonio possono avere qualcosa da insegnarci a questo proposito. Queste due aree di studio e condivisione sono solo un altro esempio di come la vita della Chiesa possa essere gravemente carente nel non avere un autentico laico che aiuti ad articolare la sua spiritualità e l'umanità coinvolta nelle sue verità più profonde.

[1] L.J. Suenens, Dear Saint Joseph (Ertvelde, Belgio: Edizione F.I.A.T, 1994) 9.

[2] A. Doze, Saint Joseph: Shadow of the Father (New York: Alba House, 1992) 9. Questo libro è stato pubblicato anche come Discovering Saint Joseph (Londra: St Paul's, 1991).

[3] F.L. Filas, The Man Closest to Christ: Nature and Historic Development of the Devotion to St Joseph (Milwaukee, 1944).

[4] Redemptoris custos (1989).

[5] Intervista citata F.L. Filas, Joseph: The Man Closest to Jesus (Boston: St Paul, 1962) 462; si veda anche Documentation catholique 60(1963) 403.

[6] "Remarques sur la Constitution dogmatique sur l'Église 'Lumen gentium'", Irénikon 1(1966) 5-45 a 22-24.

[7] Redemptoris custos, 15 agosto 1989.

[8] Cfr. Prospero d'Aquitania, Legem credendi statuit lex supplicandi (la preghiera pubblica stabilisce la legge della fede).

[9] 19 marzo, cfr. canone 1247 § 1. In seguito fu concessa una dispensa per quei Paesi che celebravano la festa di San Patrizio (17 marzo) come giorno festivo obbligatorio.

[Canone 1259 § 2.

[11] Raccolta n. 489, p. 413-415.

[12] Il latino è molto più ricco: Praesta, quaesumus, omnipotens Deus, at humane salutes mysteries, cuius primordial beati Ioseph fideli costodiae commisisti, Ecclesia tua, ipso intercedente, iugiter servet implenda.

[13] Mp. Bonum sane 25 luglio 1920-AAS 12(1920) 313-317.

[14] Enciclica Divini Redemptoris, 19 marzo 1937-AAS 29(1937) 106.

[15] Apost. Lettera Le voci, 19 marzo 1961-AAS 53(1961) 205-213.

[16] Riferimenti in Dictionnaire de spiritualité 8:1320.

[17] AAS 52(1960) 455-456 cita il Dictionnaire de spiritualité 8:1320; cfr. A. Doze, Joseph: Shadow of the Father 55-56.

[18] Traduzione: Guardian of the Redeemer (Boston: Pauline Books and Media, 1989 = traduzione vaticana); si veda anche l'importante commento di J.J. Davis, "Mary and Joseph in the Apostolic Exhortation Redemptoris custos", Marian Studies 42(1991) 133-171.

[19] Cfr. Ef 5,25-32 e Vaticano II, Costituzione sulla Chiesa, LG 5 e 7.

[20] Ad esempio P. Molinari e A. Hennessy, Giuseppe e Maria: Vocazione e missione di una coppia di sposi (Milano: San Paolo, 1993) 66-76 dall'originale inglese The Vocation and Mission of Joseph and Mary (Dublin: Veritas, 1992).

[21] [La traduzione ufficiale omette inspiegabilmente la parola chiave "quotidiano" (cotidiano).

Autore: Christopher O’Donnell, O.Carm

Published in Notizie (CITOC)
Mercoledì, 31 Gennaio 2024 16:57

B. Candelaria di San Giuseppe, Vergine

1 Febbraio Memoria facoltativa in America Latina

Nata ad Altagracia de Orituco l'11 agosto 1863, Susanna Paz-Castillo Ramírez, il suo nome di battesimo, accolse con entusiasmo la chiamata di Dio alla santità, e fin da molto giovane si distinse per la pratica della carità viva ed effettiva,con la quale assistette,consolò e curò i malati e i feriti che le vicende belliche avevano lasciato nelle strade della sua città natale. Incoraggiata dal sacerdote Sixto Sosa, in seguito Vescovo di Cumaná, si consacrò al servizio dei malati all'ospedale “Sant'Antonio”, fondato nel 1903 ad Altagracia de Orituco.

Leggi di più

Omelia alla Messa di beatificazione della Bl Candelaria
Cardinale José Saraiva Martins

Caracas, Venezuela
Domenica – 27 aprile 2008

1. Ascoltando le parole di Gesù nel Vangelo appena proclamato, vengono in mente le meravigliose riflessioni di Sant'Agostino, quando dice che se, malauguratamente, i quattro Vangeli fossero stati distrutti da un incendio e si fossero salvate solo le parole "Dio è amore", la sostanza sarebbe rimasta intatta. In quale religione l'amore è tutto, come nel cristianesimo? La fede cristiana è un atto d'amore, come ci ha ricordato Benedetto XVI nella sua prima enciclica. L'esergo del brano evangelico di oggi è emblematico: "Gesù dice ai suoi discepoli: "Se mi amate, osserverete i miei comandamenti". In questo "se mi amate" c'è la sintesi del cristianesimo.

Chi ama fa tutto per amore, anche le cose impossibili, senza esserne appesantito, perché osserva la legge interiore, che è più esigente di qualsiasi disciplina esterna. E poiché il linguaggio dell'amore non sono le parole, ma l'unione di chi ama con l'amato, nei sette versetti del Vangelo di questa domenica Gesù parla sette volte di unione. Infatti, essere-in: esprime il verbo affascinante dell'unione suprema e totale: i discepoli sono "in" Cristo e Cristo "è in" Padre.

2. La liturgia della Chiesa, con sapiente pedagogia, ci prepara alla grande solennità della Pentecoste. La prima lettura, tratta dagli Atti degli Apostoli, ci presenta lo Spirito Santo, ricevuto attraverso l'imposizione delle mani degli Apostoli. Anche il Vangelo, su cui stiamo meditando, parla dello Spirito Santo che i discepoli riceveranno come Paraclito: che in greco significa a volte Consolatore, a volte Difensore, o entrambi. San Giovanni insiste nel suo Vangelo sul titolo di Paraclito, perché storicamente la Chiesa, dopo la Pasqua, ha avuto un'esperienza viva e forte dello Spirito come consolatore, difensore, alleato nelle difficoltà interne ed esterne, nelle persecuzioni e nella vita quotidiana. Nei primi secoli, quando la Chiesa è perseguitata, fa l'esperienza quotidiana delle prove e delle condanne; è allora che vede nel Consolatore l'avvocato e il difensore divino contro i suoi accusatori umani. Il Consolatore è vissuto come colui che assiste i martiri e che, davanti ai giudici dei tribunali, mette sulle loro labbra la parola che nessuno è in grado di confutare. Dopo l'epoca delle persecuzioni, l'accento si sposta e il significato predominante è quello di consolatore nelle tribolazioni e nelle angosce della vita.

Nella contemplazione del Paraclito sentiamo la forza di onorare e invocare lo Spirito Santo, e di essere noi stessi altri "Paracliti", "consolatori", nel senso pieno del termine, secondo la misura divina. Se è vero che il cristiano deve essere alter Christus, un altro Cristo, è anche vero che deve essere alter Paraclitus, un altro consolatore.

3. Essere consolatori, paracliti, è una qualità che tutti i santi hanno avuto in generale: come il Buon Samaritano, hanno lavorato per lenire le ferite di tanti fratelli e sorelle, con il balsamo della misericordia e l'olio della speranza cristiana. Con l'animo pieno di gioia, oggi, contemplando la vita e l'esempio della nuova Beata venezuelana, e il suo carisma che si trasmette nella sua opera, attraverso le sue figlie, le Suore Carmelitane del terzo ordine carmelitano in Venezuela, osserviamo che una vera e propria "arte della consolazione" spicca come caratteristica dominante. Nella sua semplicità, Madre Candelaria ha vissuto e ci propone, in tutta la sua attualità, una vera e propria teologia della consolazione. Questo spiega i fatti della sua vita quotidiana che, anche con una semplice parola o un gesto, sempre vissuti con la sua costante e ardente preghiera e una fede viva e profonda, ha saputo avvicinare tanti malati. Certamente è stato Dio a "consolare" attraverso di lei.

Colpisce, nelle testimonianze raccolte per la sua causa di beatificazione, come l'amore della Beata per Dio fosse intimamente unito a quello per il prossimo. Infatti, fin da giovanissima si dedicò al servizio degli altri, nella cura dei malati o nella catechesi dei giovani e degli adulti, con un'attenzione materna alle suore della sua congregazione. Una vita consumata trascorrendo ore e ore al capezzale degli ammalati, fino a morire di fame per poter sfamare i malati in ospedale e a fare viaggi faticosi per trovare i soldi per gli ospedali.

E così, anno dopo anno, sempre - e forse questa è una delle caratteristiche più attraenti della Beata Candelaria - con grande semplicità, senza drammi, sempre serena e pronta all'ascolto, senza mai lamentarsi delle persone che rendevano difficile la sua vita di servizio cristiano. La sua carità raggiunse vette eroiche, come rimanere senza un letto in cui dormire perché lo aveva donato a un malato; preferire l'assistenza ai malati più contagiosi o alle persone nemiche della fede; assistere con dolcezza materna le donne smarrite ricoverate in ospedale. La sua totale dedizione al prossimo era tale che anche i medici più increduli si stupivano della generosa dedizione di questa semplice sorellina.

4. La Beata che oggi veneriamo testimonia, con tutta la sua vita, che l'amore soprannaturale è la base dell'esistenza, che solo l'amore può cambiare la vita degli esseri umani secondo i loro bisogni più profondi e che l'amore consiste nel dono di sé, superando le resistenze e l'individualismo per realizzare la volontà divina.

La presente beatificazione, manifestando questo aspetto della spiritualità della Beata Candelaria, invita anche noi, con docilità allo Spirito Santo, a essere dispensatori della "consolazione" di Dio.

La Beata Candelaria ci accompagna e ci invita a prenderci cura dei malati terminali, dei malati di AIDS, a preoccuparci di alleviare la solitudine degli anziani e le difficoltà di tante diverse forme di povertà, a dedicare il tempo necessario a visitare i malati negli ospedali. E come non pensare a coloro che si dedicano ad aiutare i bambini, vittime di ogni tipo di abuso? Dobbiamo anche difendere i diritti delle minoranze minacciate, come alcune popolazioni indigene dell'America Latina, ed essere la voce di chi non ha voce.

Ma la sua testimonianza, quella che mi interessa di più far giungere a ciascuno di noi e a tutti coloro che in futuro troveranno l'eloquente lezione della Beata Candelaria, oltre ai valori morali, che sono grandi, è ciò che sta all'origine. Mi riferisco alla presenza viva e attiva di Cristo Risorto in lei, che è palpabile nella sua sconfinata carità. In questo senso, la Beata che oggi è stata elevata all'onore degli altari appartiene a quella moltitudine di cristiani che manifestano e mostrano con forza la presenza di Cristo negli uomini e nelle donne di oggi, pellegrini che, a volte, dimenticando la meta, camminano senza direzione.

Nel Vangelo di oggi Gesù dice agli Apostoli che chiederà al Padre di inviare loro lo Spirito Consolatore, affinché rimanga sempre con loro. E questa "permanenza" dello Spirito nel nostro cuore "ci trasforma in Cristo", rendendoci nel mondo e nella storia, cioè nella società di oggi - nell'ambiente concreto in cui viviamo - sua presenza viva e testimonianza credibile. Questo è avvenuto in Madre Candelaria e può avvenire in noi. Lo Spirito forma Cristo in noi e ci rende suoi imitatori nel nostro tempo e per tutta la vita, come ci ricorda il Santo Padre: "Non si comincia a essere cristiani con una decisione etica o una grande idea, ma con l'incontro con un avvenimento, con una Persona, che dà un nuovo orizzonte alla vita e, con esso, un orientamento decisivo" (Deus caritas est, 1).

La santità di vita di questo fiore del Venezuela, Madre Candelaria, uno dei frutti eminenti della storia del cattolicesimo in America Latina, ci afferma nell'esperienza così ben descritta da Benedetto XVI all'inizio del suo pontificato: "Non c'è niente di più bello che essere stati toccati, sorpresi dal Vangelo, da Cristo. Non c'è niente di più bello che conoscerlo e comunicare agli altri l'amicizia con Lui" (Omelia, domenica 24 aprile 2005: L'Osservatore Romano, edizione inglese, 29 aprile 2005, p. 7). Così, mentre ci rallegriamo per la beatificazione di Madre Candelaria, e ne rendiamo grazie a Dio, lasciamoci sorprendere dal Vangelo e facciamo di Cristo la ragione della nostra vita.

Published in Notizie (CITOC)
Lunedì, 29 Gennaio 2024 08:47

Beata Arcangela Girlani, vergine

29 Gennaio | Memoria facoltativa nelle province italiane)

B. Arcangela prese l’abito carmelitano nel monastero di Parma nel 1477 all’età di 17 anni, dove prese il nome di Arcangela. Divenne poi priora del monastero di Parma, e successivamente priora della nuova fondazione di Mantova dal 1492 fino alla morte.

In un antico manoscritto troviamo scritto che la Beata Arcangela visse la sua vita religiosa così intensamente che, così come il monastero era intitolato a “Santa Maria in Paradiso”, lei e le altre monache, anche se ancora qui sulla terra, vivevano come se fossero già assorbite dal cielo.

Leggi di più ...

Published in Notizie (CITOC)
Venerdì, 19 Gennaio 2024 11:42

Memoria del B. Angelo Paoli, "Padre Carità"

20 Gennaio Memoria facoltativa (Memoria obbligatoria nelle province italiane)

In un mondo in cui purtroppo non mancano esempi di un insensibile disprezzo per i poveri e gli oppressi, l'esempio di Angelo Paoli è una boccata d'aria rinfrescante. Angelo si occupava così bene dei suoi fratelli e sorelle sfortunati che era conosciuto come "Padre Carità" o "Padre dei poveri". Fortunatamente, non si limitò a comportarsi come un individuo gentile, ma fu un eccellente motivatore, che all'alba del XVIII secolo intraprese molte iniziative benefiche.

L'umanità era uno stile di vita assunto dal giovane Paoli. Nacque il 1° settembre 1642 nell'umile cittadina toscana di Argigliano, non lontano dalle cave di pietra di Massa Carrara. I suoi genitori, Angelo Paoli e Santa Morelli, decisero di battezzare il figlio Francesco, in onore del benevolo santo di Assisi. Erano contadini devoti, che diedero una casa amorevole ai loro sette figli, dove la cura per gli altri era l'elemento essenziale della vita. Da giovane, Paoli cercava spesso momenti in cui poteva andare in luoghi remoti e belli per rimanere da solo in preghiera. Ma era altrettanto zelante nell'insegnare le credenze e le virtù cristiane ai giovani del suo villaggio. Non fu una sorpresa per i suoi genitori o per chiunque altro quando la sua devozione a Maria lo portò, all'età di 18 anni, a unirsi ai Carmelitani nella vicina Fivizzano.

Inviato a Siena per l'anno di noviziato, professò i voti nel 1661, assumendo il nome religioso di Angelo in onore del padre. Dopo aver studiato filosofia e teologia a Pisa e a Firenze, fu ordinato sacerdote nel 1667. I primi 20 anni del suo ministero furono spesi nelle ordinarie attività della sua provincia toscana. Come frate versatile e affidabile, lavorò nelle comunità della sua città natale, Argigliano, Pistoia e Siena. Servì come maestro dei novizi a Firenze, come parroco in Carniola, insegnò grammatica ai giovani studenti a Montecatini e servì come organista e sacrestano a Fivizzano. Durante questo intenso periodo, continuò a pregare regolarmente in luoghi remoti e bellissimi, senza mai perdere di vista i più poveri che potevano avere bisogno del suo aiuto. Sviluppò una speciale devozione per la sofferenza e la morte di Gesù sulla croce. Manifestò la sua devozione alla Croce collocando diverse grandi croci di legno nei suoi luoghi di preghiera preferiti, spesso su splendide cime di montagna. In seguito avrebbe collocato una grande croce nel Colosseo di Roma, ormai in rovina, in memoria dei martiri che vi erano morti.

Nel 1687, la sua vita cambiò radicalmente quando il priore generale, Paolo di Sant'Ignazio, lo chiamò a Roma per unirsi alla comunità di San Martino ai Monti. Il progetto iniziale del priore generale era semplicemente quello di far sì che Angelo desse il buon esempio alla comunità con la sua fervente osservanza della vita religiosa. Ma una volta arrivato, fu messo a capo delle finanze della comunità. Iniziò subito a prendersi cura dei mendicanti e dei poveri che riempivano le strade di Roma, tra gli splendori della sfavillante età barocca. Angelo stupì ben presto i membri della comunità con il gran numero di poveri e affamati che si recavano nel cortile del monastero per il loro cibo quotidiano. Alcuni giorni c'erano fino a 300 persone in fila per essere sfamate. Ancora più notevole era il modo in cui Angelo riusciva a trovare cibo, denaro e vestiti a sufficienza per tutti coloro che venivano, affermando timidamente che c'era sempre qualcosa nella sua dispensa. Alcuni romani paragonarono la sua generosità ai pani e ai pesci di Gesù; altri conclusero semplicemente che aveva trovato beneffatori segreti che volevano rimanere anonimi.

Angelo si trovò anche rapidamente attratto dall'assistenza ai malati. Non lontano da San Martino, c'era un ospedale molto frequentato a San Giovanni in Laterano, la cattedrale di Roma. Secondo le consuetudini dell'epoca, l'ospedale si occupava principalmente della salute e dell'alimentazione di base del paziente, ma le cose come cibo supplementare, coperte e vestiti erano spesso lasciate ai familiari dei malati. Per le persone più povere, spesso non c'era nessuno che potesse provvedere a queste necessità. Così, Angelo iniziò a visitare le due ali dell'ospedale, una per gli uomini e l'altra per le donne. Nutriva i pazienti più affamati, confortava e consigliava i bisognosi, svuotava le vaschette dei letti e si occupava dei servizi più umili. Le sue visite aumentarono fino a due volte al giorno, soprattutto quando riuscì a trovare altri benefattori e donatori per sostenere i suoi sforzi. Alla fine trovò una sede vicino al Colosseo, dove organizzò e gestì la prima casa di convalescenza di Roma per coloro che venivano dimessi dall'ospedale, ma non erano ancora in grado di badare a se stessi.

Parte del genio pratico di Angelo derivava dal fatto che la sua forte vita spirituale attirava molti altri ad aiutare le sue opere di carità. Era un confessore popolare e un consigliere spirituale per i membri illustri della società romana. Era ricercato da cardinali, ambasciatori, funzionari romani, tra cui il medico del Papa stesso, e da innumerevoli membri delle famiglie nobili d'Europa. A volte l'unico modo in cui i ricchi e i potenti potevano parlare con Angelo era seguirlo in un reparto ospedaliero con un cesto di cibo o aiutarlo mentre distribuiva il pane a San Martino. Senza dubbio, questi patrizi ben nutriti erano anche generosi nell'aiutare i suoi sforzi per sfamare gli altri.

Per premiare la sua generosa attenzione ai poveri, Papa Innocenzo XII voleva nominare Angelo cardinale, ma egli rifiutò sostenendo che non sarebbe stato in grado di mantenere il suo livello di carità con un titolo del genere. Anche un'altra offerta di ricevere la berretta rossa da parte di Papa Clemente XI fu rifiutata. Angelo non desiderava essere un principe della Chiesa, perché era già abbastanza impegnato a fare il bravo frate. Tuttavia, riuscì a convincere i Papi a fermare il furto di pietre dal Colosseo in rovina e a erigere una grande croce in memoria dei martiri. Uno dei momenti più alti dell'impatto di Angelo avvenne nel 1708. Egli innalzò tre croci di legno sul Monte Testaccio, una collina artificiale creata da un'enorme quantità di macerie antiche provenienti da ceramiche rotte. Celebrò la Via Crucis con un sermone sulla passione e morte di Gesù, come segno del suo amore per tutti gli uomini. Poi ha distribuito pane e salsiccia a tutti i presenti per continuare la celebrazione.

Angelo Paoli morì serenamente nel 1720 e fu sepolto nella chiesa di San Martino. Molti parlavano della sua capacità di predire gli eventi futuri e di curare i malati. Ma le sue semplici opere di misericordia parlavano ancora più eloquentemente della sua solida spiritualità e del suo amore per Dio. Ai suoi ricchi beneffaori aveva detto: "Chi vuole amare Dio deve cercarlo tra i poveri". Davvero un epitaffio appropriato!  (da Leopold Gluckert, O. Carm.)

Leggi di più

* Sepoltura del beato Angelo Paoli, Padre dei poveri, nella Basilica dei Santi Silvestro e Martino ai Monti a Roma
Pivari.com, CC BY-SA 4.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0>, via Wikimedia Commons
Published in Notizie (CITOC)
Pagina 1 di 11

Avviso sul trattamento dei dati digitali (Cookies)

Questo sito web utilizza i cookies per eseguire alcune funzioni richieste e per analizzare la fruizione del nostro sito web. Raccoglieremo le tue informazioni solamente se completi i nostri moduli di iscrizione o di richiesta di preghiera, in modo da poter rispondere alla tua e-mail o inserire le tue intenzioni / richieste nella preghiera. Non utilizziamo i cookies per personalizzare i contenuti e gli annunci. Nessuna informazione, acquisita tramite i nostri moduli di contatto via posta elettronica, verrà condivisa con terze persone. "Le tue informazioni" restano "le tue informazioni personali".