Menu

carmelitecuria logo it

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
Venerdì, 17 Giugno 2022 07:10

Celebrando In Casa - Santissimo Corpo e Sangue di Cristo

La presenza reale di Gesù in noi
(Luca 9:11-17)

La festa odierna celebra il segno perenne della presenza di Cristo con noi nel Pane e nel Vino dell'Eucaristia. Celebra anche la presenza di Cristo con noi nella comunità della Chiesa. L'Eucaristia è il nostro sacramento di comunione, non solo con Cristo e Dio, ma anche con tutti coloro che sono chiamati nella comunità cristiana. La nostra comunione ci lega gli uni agli altri in una sacra unione della mente e del
cuore con Gesù.
La parola ‘comunione’ significa condividere in comune. Nella Santa Comunione ciò che abbiamo in comune con Dio e tra di noi è Gesù Cristo presente nel Pane e nel Vino. Un altro significato di ‘comunione’ è essere un'unica mente e un solo cuore. È’ lo Spirito Santo che ci mantiene in comunione di mente e di cuore con Dio, con Cristo e tra di noi.
Siamo molto abituati a pensare alla presenza reale di Gesù nel Santissimo Sacramento. Ma la vera presenza di Cristo si trova anche nella comunità quando si riunisce nel suo nome al banchetto della Parola, per ricordare ciò che Gesù ha detto e fatto durante l'Ultima Cena (non solo le parole sul pane e sul vino, ma anche la lavanda dei piedi), quando condivide il cibo dell'Eucaristia, quando esce e continua a spezzare e riversare quel cibo in atti di bontà e d’amore, in parole lenitive e nutrienti che danno vita agli altri.
L'Eucaristia non è un oggetto da guardare, ma un'azione da fare affinché la presenza viva di Gesù continui a toccare e guarire.
Forse dobbiamo pensare più profondamente alla presenza reale di Gesù negli esseri umani reali e viventi. Il pane e il vino non hanno occhi per guardare con amore, né un volto con cui sorridere, né una bocca per pronunciare parole confortanti, né le braccia per sostenere un lutto o un malato, né per dare una mano, né orecchie per sentire il dolore. Ma siamo noi che lo facciamo.
Quindi siamo chiamati a diventare l'Eucaristia che sostiene coloro che ci circondano con il nutrimento della apertura del cuore e della vista, del rispetto, dell’amore, della compassione, della speranza e del perdono.
La nostra partecipazione al corpo e al sangue di Cristo non tende a nient'altro che a diventare ciò che riceviamo. (Sant'Agostino)

Avviso sul trattamento dei dati digitali (Cookies)

Questo sito web utilizza i cookies per eseguire alcune funzioni richieste e per analizzare la fruizione del nostro sito web. Raccoglieremo le tue informazioni solamente se completi i nostri moduli di iscrizione o di richiesta di preghiera, in modo da poter rispondere alla tua e-mail o inserire le tue intenzioni / richieste nella preghiera. Non utilizziamo i cookies per personalizzare i contenuti e gli annunci. Nessuna informazione, acquisita tramite i nostri moduli di contatto via posta elettronica, verrà condivisa con terze persone. "Le tue informazioni" restano "le tue informazioni personali".