Menu

carmelitecuria logo it

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
Giovedì, 05 Maggio 2022 12:19

Testimonianza delle suore carmelitane su Tito Brandsma

Per me, questo è un segno che la vita e il lavoro monastico possono andare ben oltre le mura del covento, e che il misticismo e la conoscenza (la scienza) non si contraddicono a vicenda, ma piuttosto possono fertilizzarsi a vicenda. Entrambi sono la base per agire sinceramente secondo la mia coscienza, seguendo l'esempio di Tito Brandsma.

Tito Brandsma é stato molto attivo in lungo e in largo nei Paesi Bassi come carmelitano, scienziato, scrittore e giornalista. Vedo nella sua opera un misticismo vissuto fino alla sua morte a Dachau. Noi carmelitani ci sforziamo di vivere la ricca tradizione e la spiritualità dei nostri santi religiosi. L'unione con Dio e la proclamazione della pace e dell'amore è stata realizzata da P. Tito nella sua vita. Anche noi possiamo proclamare il Regno di Dio, specialmente attraverso la nostra presenza qui al memoriale del campo di concentramento. Vogliamo essere aperti ai bisogni del mondo e alle preoccupazioni della gente. Tito Brandsma ci incoraggia a fare questo.

Tito Brandsma concluse il suo ultimo rapporto sulla responsabilità della  resistenza contro il nazionalsocialismo con l'augurio di pace: "Dio benedica i Paesi Bassi, Dio benedica la Germania. Dio conceda che entrambi i popoli possano presto stare di nuovo fianco a fianco in piena pace e libertà, nel riconoscimento di Dio e per la Sua gloria, per la salvezza e il benessere di entrambi i popoli così strettamente legati". Questo è tutto quello che serve per vedere quanto sia rilevante Tito Brandsma per la mia preghiera e il mio lavoro in questo luogo, mentre le nazioni fratelli sono di nuovo in guerra tra loro.

Per me, in questo periodo di crisi, Titus Brandsma è diventato un santo patrono dei giornalisti indipendenti e onesti in Russia. Nonostante le persecuzioni e la minaccia di morte, si è battuto per la libertà di espressione della stampa e ha dato la vita per essa. È un faro di speranza e un modello di comportamento. Gli affidiamo di essere la guida di tutti i giornalisti che agiscono secondo la loro coscienza nonostante la repressione.

Il suo coraggio mi fa riflettere se anch'io seguo la mia coscienza.

Vedo Tito Brandsma come un modello da imitare. Mi incoraggia a esprimere le mie richieste davanti a Dio e a includere nelle mie preghiere proprio quelle persone per le quali desidero maggiormente la vicinanza e l'aiuto di Dio. Accettare tutto quello che può essere sgradevole nella vita quotidiana, essere onesto con me stesso e con gli altri, vivere consapevolmente in questo luogo a Dachau, ricordare le persone innocenti che sono state maltrattate è la cosa più importante per me.

Ciò che ha avuto un'influenza duratura sul mio incontro con Tito Brandsma è stata la sua beatificazione a Roma il 3 novembre 1985. Il 5 novembre abbiamo visto un folto gruppo di pellegrini provenienti dall'Olanda che, al loro ritorno, hanno pregato e celebrato l'Eucaristia a Dachau, il luogo della sua sofferenza e morte. Tra i pellegrini c'era sua nipote, con la quale ho potuto parlare più a lungo. Improvvisamente il Beato Tito era uno di noi, questo si sentiva molto chiaramente. Si sono sviluppate amicizie tra i nostri fratelli e sorelle carmelitani. Da allora ho letto le sue opere per conoscerlo meglio.

L'amicizia con e attraverso P. Tito, che ci unisce ai nostri fratelli e sorelle di tutto il mondo, mi fa provare felicità e gratitudine.

Per tutti noi, gli incontri annuali con la famiglia olandese Carmel rimangono ricordi vividi. Oltre alle riunioni, è stato lo stare insieme davanti al Blocco 26 che è diventato un luogo per ricordare Tito, dove lui è stato tanto vicino a noi.  Abbiamo ascoltato le preghiere e i canti nella sua lingua, ci siamo uniti nel ringraziamento e nel ricordo come sorelle e fratelli nel suo spirito.  Ogni volta che c'è un'occasione per riunirsi davanti al Blocco 26, Tito è lì.

Quando torno a meditare sulla vita di P. Tito Brandsma trovo conforto per la mia preghiera e il mio lavoro quotidiano.

Ha unito la spiritualità dell'ordine carmelitano con la spiritualità teresiana, le confessioni delle diverse chiese cristiane nell'ecumenismo e a Dio con il mondo. Ha detto che la mistica è una via praticabile per tutte le persone in tutti i luoghi della vita quotidiana perché "la presenza di Dio è sempre viva dentro". "Ha potuto rispondere all'odio dei suoi torturatori con l'amore perché ha detto: "Anche loro sono figli del Dio amoroso, e chissà che qualcosa non cambi dentro di loro? (Fonti: Titus Brandsma, O. Carm, Martiri a Dachau, Georg Geisbauer.  Fiery Arrow, L'incontro con Dio nell'abisso).

Le monache carmelitane scalze del monasterio di Helig Blut

Dachau, Germania

Avviso sul trattamento dei dati digitali (Cookies)

Questo sito web utilizza i cookies per eseguire alcune funzioni richieste e per analizzare la fruizione del nostro sito web. Raccoglieremo le tue informazioni solamente se completi i nostri moduli di iscrizione o di richiesta di preghiera, in modo da poter rispondere alla tua e-mail o inserire le tue intenzioni / richieste nella preghiera. Non utilizziamo i cookies per personalizzare i contenuti e gli annunci. Nessuna informazione, acquisita tramite i nostri moduli di contatto via posta elettronica, verrà condivisa con terze persone. "Le tue informazioni" restano "le tue informazioni personali".