Menu

carmelitecuria logo it

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

Displaying items by tag: Celebrating At Home

Martedì, 26 Marzo 2024 10:11

Celebrando in Casa - Giovedì Santo

Lavanda dei piedi,
condivisione del pane e del vino: l'amore espresso nel servizio

Questa sera facciamo memoria del comandamento di Gesù di amarci gli uni gli altri, della lavanda dei piedi e dello spezzare il pane della sua stessa vita, non solo a tavola, ma anche sull’altare della Croce, per la guarigione e il nutrimento del mondo.
La liturgia del giovedì Santo è una meditazione sull’intimo legame tra Eucaristia e l’amore cristiano manifestato nel servizio reciproco. Cristo è presente non solo nell’Eucaristia, ma anche nelle gesta amorevole offerte agli altri attraverso la nostra persona.
Noi rendiamo ‘reale’ la presenza di Gesù in ogni sorriso, parola gentile e azione amorevole.

Published in Notizie (CITOC)
Tagged under
Lunedì, 18 Marzo 2024 13:22

Celebrando in Casa - Domenica delle Palme

Un grande amore viene rivelato
(Marco 15:1-39)

Passione di Nostro Signore Gesù Cristo secondo Marco

Al mattino, i capi dei sacerdoti, con gli anziani, gli scribi e tutto il sinedrio, dopo aver tenuto consiglio, misero in catene Gesù, lo portarono via e lo consegnarono a Pilato.
Pilato gli domandò: «Tu sei il re dei Giudei?». Ed egli rispose: «Tu lo dici». I capi dei sacerdoti lo accusavano di molte cose. Pilato lo interrogò di nuovo dicendo: «Non rispondi nulla? Vedi di quante cose ti accusano!». Ma Gesù non rispose più nulla, tanto che Pilato rimase stupito.
A ogni festa, egli era solito rimettere in libertà per loro un carcerato, a loro richiesta. Un tale, chiamato Barabba, si trovava in carcere insieme ai ribelli che nella rivolta avevano commesso un omicidio. La folla, che si era radunata, cominciò a chiedere ciò che egli era solito concedere. Pilato rispose loro: «Volete che io rimetta in libertà per voi il re dei Giudei?». Sapeva infatti che i capi dei sacerdoti glielo avevano consegnato per invidia.
Ma i capi dei sacerdoti incitarono la folla perché, piuttosto, egli rimettesse in libertà per loro Barabba. Pilato disse loro di nuovo: «Che cosa volete dunque che io faccia di quello che voi chiamate il re dei Giudei?». Ed essi di nuovo gridarono: «Crocifiggilo!». Pilato diceva loro: «Che male ha fatto?». Ma essi gridarono più forte: «Crocifiggilo!». Pilato, volendo dare soddisfazione alla folla, rimise in libertà per loro Barabba e, dopo aver fatto flagellare Gesù, lo consegnò perché fosse crocifisso.
Allora i soldati lo condussero dentro il cortile, cioè nel pretorio, e convocarono tutta la truppa. Lo vestirono di porpora, intrecciarono una corona di spine e gliela misero attorno al capo. Poi presero a salutarlo: «Salve, re dei Giudei!».
E gli percuotevano il capo con una canna, gli sputavano addosso e, piegando le ginocchia, si prostravano davanti a lui. Dopo essersi fatti beffe di lui, lo spogliarono della porpora e gli fecero indossare le sue vesti, poi lo condussero fuori per crocifiggerlo. Costrinsero a portare la sua croce un
tale che passava, un certo Simone di Cirene, che veniva dalla campagna, padre di Alessandro e di Rufo.
Condussero Gesù al luogo del Gòlgota, che significa «Luogo del cranio», e gli davano vino mescolato con mirra, ma egli non ne prese.
Poi lo crocifissero e si divisero le sue vesti, tirando a sorte su di esse ciò che ognuno avrebbe preso. Erano le nove del mattino quando lo crocifissero. La scritta con il motivo della sua condanna diceva: «Il re dei Giudei». Con lui crocifissero anche due ladroni, uno a destra e uno alla sua sinistra.
Quelli che passavano di là lo insultavano, scuotendo il capo e dicendo: «Ehi, tu che distruggi il tempio e lo ricostruisci in tre giorni, salva te stesso scendendo dalla croce!». Così anche i capi dei sacerdoti, con gli scribi, fra loro si facevano beffe di lui e dicevano: «Ha salvato altri e non può salvare se stesso! Il Cristo, il re d'Israele, scenda ora dalla croce, perché vediamo e crediamo!». E anche quelli che erano stati crocifissi con lui lo insultavano.
Quando fu mezzogiorno, si fece buio su tutta la terra fino alle tre del pomeriggio. Alle tre, Gesù gridò a gran voce: «Eloì, Eloì, lemà sabactàni?», che significa: «Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?». Udendo questo, alcuni dei presenti dicevano: «Ecco, chiama Elia!». Uno corse a inzuppare di aceto una spugna, la fissò su una canna e gli dava da bere, dicendo: «Aspettate, vediamo se viene Elia a farlo scendere». Ma Gesù, dando un forte grido, spirò.
Il velo del tempio si squarciò in due, da cima a fondo. Il centurione, che si trovava di fronte a lui, avendolo visto spirare in quel modo, disse: «Davvero quest'uomo era Figlio di Dio!».
Vi erano anche alcune donne, che osservavano da lontano, tra le quali Maria di Màgdala, Maria madre di Giacomo il minore e di Ioses, e Salome, le quali, quando era in Galilea, lo seguivano e lo servivano, e molte altre che erano salite con lui a Gerusalemme.
Venuta ormai la sera, poiché era la Parascève, cioè la vigilia del sabato, Giuseppe d'Arimatèa, membro autorevole del sinedrio, che aspettava anch'egli il regno di Dio, con coraggio andò da Pilato e chiese il corpo di Gesù. Pilato si meravigliò che fosse già morto e, chiamato il centurione, gli domandò se era morto da tempo. Informato dal centurione, concesse la salma a Giuseppe. Egli allora, comprato un lenzuolo, lo depose dalla croce, lo avvolse con il lenzuolo e lo mise in un sepolcro scavato nella roccia.
Poi fece rotolare una pietra all'entrata del sepolcro.
Maria di Màgdala e Maria madre di Ioses stavano a osservare dove veniva posto.

Tempo di silenzio per la riflessione

Published in Notizie (CITOC)
Tagged under
Mercoledì, 13 Marzo 2024 10:28

Celebrando in Casa - V Domenica di Quaresima

Un nuovo vincolo d’ amore e di vita
(Giovanni 12:20-33)

La prima lettura di questa domenica ci dice che il nostro cammino verso la trasfigurazione avviene dall’interno, nel cambiamento dei nostri cuori. Il profeta Geremia attende con ansia una nuova alleanza tra Dio e il suo popolo. Questa alleanza non sarà scritta nella roccia, ma nei cuori dell’uomo. Questa nuova alleanza non può essere infranta poiché Dio perdona sempre e non si ricorda mai dei nostri peccati.
È nei nostri cuori che apprendiamo la verità sulla forza dell'amore di Dio per noi e ci riconosciamo come popolo di Dio.
C'è una bella frase nel Prefazio della Preghiera eucaristica I per la riconciliazione che coglie bene questo senso: hai stretto con loro un vincolo nuovo per mezzo di Gesù, tuo Figlio e nostro redentore: un vincolo così saldo che nulla potrà mai spezzare.
Le parole del Vangelo di Giovanni aiutano a rispondere alla domanda sul come si è realizzata questa alleanza.
L'amore di Dio si rivela in un essere umano debole e sofferente attraverso il quale Dio offre la propria vita come pegno di amore e perdono che sigilla questa nuova alleanza.
Quando alcuni greci vengono a chiedere di vedere Gesù, sa che la sua predicazione è completa e che ‘è venuta l’ora che il Figlio dell’uomo sia glorificato’.
Se il chicco di grano non muore, rimane solo. Se muore, produce molto frutto. La morte di Gesù produce un gran numero di seguaci con i quali e nei quali è sempre presente. Non siamo da soli a camminare dalla tentazione alla trasfigurazione: Gesù è il nostro compagno costante.
È il modo in cui passiamo dall’una all’altra parte.
La fede in Gesù (che sta nel vederlo), ci tira fuori dalla tentazione e ci introduce nella trasfigurazione - per essere la presenza viva di Dio nel mondo, i luoghi di incontro tra il bisogno umano e la compassione di Dio, per essere luce e vita l'uno per l'altro.
Se anche noi ‘vogliamo vedere Gesù’ dobbiamo guardare dentro i nostri cuori. È lì che Dio scrive la sua legge d'amore nella persona di suo Figlio. È lì che scopriamo la presenza di Colui che ci ama oltre la morte e che dolcemente ci modella ad immagine e somiglianza del suo Figlio.

Published in Notizie (CITOC)
Tagged under
Giovedì, 07 Marzo 2024 10:29

Celebrando in Casa - IV Domenica di Quaresima

Essere luce nell’ oscurità
(Gv 3:14-21)

Questa domenica segna un cambiamento nel focus quaresimale. Non siamo più così assorbiti dai nostri limiti e debolezze nella fede. Siamo più fiduciosi nella misericordia di Dio, del perdono e della guarigione senza la quale non avremmo mai osato intraprendere questo cammino. Attendiamo con gioia e speranza le celebrazioni di Pasqua.
Nel nostro cammino dalla tentazione alla trasfigurazione stiamo diventando, attraverso la fede in Cristo, la presenza viva di Dio nel mondo, la luce nelle tenebre.
La prima lettura di oggi parla della ricostruzione del tempio di Gerusalemme - un riferimento al Vangelo di domenica scorsa. Per gli antichi ebrei la ricostruzione del loro tempio era un momento pieno di speranza e di aspettativa.
La scorsa domenica Gesù ha promesso la costruzione di un nuovo tempio che ospitasse la presenza viva di Dio e che fosse luogo di incontro tra Dio e noi.
Il nostro viaggio quaresimale ci sta trasformando nel Corpo vivente di Cristo, in luoghi dove Dio possa dimorare, luoghi di incontro tra gli esseri umani e Dio. Questo si vede chiaramente quando i bisogni umani incontrano la compassione di Dio attraverso di noi. È allora che l'amore e la luce di Dio risplendono nell'oscurità delle vite umane.
Il vangelo di oggi contiene una serie di dichiarazioni importanti circa la nostra fede: Dio ha tanto amato il mondo che ha mandato suo Figlio, non per condannare, ma per salvare; il Figlio deve essere innalzato (crocifisso e risorto) in modo che tutti coloro che credono possano avere la vita eterna; quelli che vivono nella verità vengono alla luce, in modo che si possa vedere chiaramente che le loro buone azioni sono compiute in Dio..
Il Vangelo ci rassicura dell'amore di Dio e della nostra salvezza in Cristo, e ci chiama ad essere la Luce, a vivere nella verità dell'amore di Dio per essere il cuore di Dio nel mondo.

Published in Notizie (CITOC)
Tagged under
Martedì, 27 Febbraio 2024 12:41

Celebrando in Casa - III Domenica di Quaresima

Purificare i nostri cuori
(Gv 2:13-25)

I vangeli delle ultime due domeniche ci hanno mostrato che il cammino cristiano va dalla tentazione alla trasfigurazione. I Vangeli delle prossime tre domeniche di Quaresima presentano Gesù come la strada (o Via, come lo chiamavano i primi cristiani) dalla tentazione alla trasfigurazione.
Nell’Antico Testamento è chiaramente diffusa l’idea che il popolo di Israele fosse ‘il popolo di Dio’. Con il loro comportamento dovevano essere’ luce per le nazioni’ e dimora della presenza di Dio. Solo molto più tardi si sviluppò l’idea che Dio dimorava in un edificio chiamato tempio. Nonostante ciò, gli ebrei non hanno mai perso il senso del dover essere il popolo di Dio. La lettura dell’Esodo comunemente conosciuta come i Dieci Comandamenti fornisce un modello per il popolo di Dio per vivere in una giusta relazione con Dio e il prossimo; per essere la dimora della presenza di Dio.
Nel vangelo di oggi troviamo un Gesù profondamente appassionato che causa quasi una sommossa nella parte esterna del tempio. Nel Vangelo di Giovanni, le azioni profetiche di Gesù più che avere a che fare con la ‘purificazione del Tempio’, dicono più che altro che la modalità del Tempio di essere in rapporto con Dio non è non è più giusta.
Secondo Giovanni, Gesù è il nuovo tempio vivente della presenza di Dio e il luogo di incontro tra Dio e il suo popolo. Gesù è il modo per essere nella giusta relazione con Dio e con il prossimo.
Nella nostra tradizione cattolica ci riferiamo spesso a noi stessi come ‘tempi dello Spirito Santo’. Riconosciamo di essere esseri sacri destinati all'unione con Dio, persone in cui il la bontà di Dio dovrebbe essere chiaramente manifestata in parole, pensieri e azioni.
La Quaresima è un tempo per decidere cosa fare della nostra vita e cosa è importante. Come Gesù nel tempio, forse abbiamo bisogno di porre fine ai modi di pensare e di comportarci che ingombrano le nostre vite, oscurano la presenza di Dio e non riescono a portare vita agli altri.
Come membri del Corpo di Cristo, anche noi dobbiamo essere il luogo in cui Dio viene trovato sulla terra.

Published in Notizie (CITOC)
Tagged under
Martedì, 20 Febbraio 2024 08:50

Celebrando in Casa - II Domenica di Quaresima

Dalla tentazione alla trasfigurazione 2
(Mc 9:2-10)

Il Vangelo della Trasfigurazione di questa domenica completa la ‘parabola’ formata dai Vangeli delle prime due domeniche di Quaresima.
Questi brani del Vangelo ci dicono cosa sono la Quaresima e la vita cristiana: si tratta di un costante viaggio dalla tentazione e dal dubbio alla trasfigurazione e alla fede..
Trasfigurazione significa essere ‘attraversati’ dalla presenza di Dio. Essere trasfigurati significa permettere alla presenza di Dio di trasformarci completamente. È una rivoluzione della mente e del cuore guidata dallo Spirito di Dio e resa possibile dalla nostra apertura di cuore. La nostra vita di cristiani consiste nell'essere trasfigurati dallo Spirito di Dio in modo che Dio si manifesti e venga sperimentato attraverso di noi. Questo è ciò che hanno visto Pietro, Giacomo e Giovanni in Gesù trasfigurato Il cammino verso la trasfigurazione richiede fede e perseveranza. La storia di Abramo nella prima lettura è una storia di grande fede e fiducia. Abramo deve fare i conti con la perdita del suo amato figlio, la fonte di tutta la sua speranza per il futuro. Si è fidato e suo figlio è stato risparmiato. Questo è stato per Abramo un chiaro segno che Dio stava per dare vita, e non morte, al suo popolo. Ci vogliono fede e perseveranza per osare e lasciarsi guidare dalla passione, dalla speranza e dalla volontà di Dio piuttosto che dai nostri desideri e dalla nostra volontà. L'ascolto della parola vivente del ‘Figlio diletto’ forma in noi il cuore di Dio.

Published in Notizie (CITOC)
Tagged under
Giovedì, 15 Febbraio 2024 08:35

Celebrando in Casa - I Domenica di Quaresima

Dalla tentazione alla trasfigurazione
(Marco 1:12-15)

Il nostro lungo viaggio quaresimale è iniziato! È un viaggio che inizia nelle ceneri e finisce con l’acqua.
Conosciamo il potere del fuoco, la sua capacità di distruggere, annerire e ridurre in cenere.
Sappiamo che il male può fare lo stesso: distruggere l’integrità del nostro spirito, annerire le nostre vite e ridurre la bellezza della vita umana in cenere e polvere.
Iniziamo la Quaresima riconoscendo che la cenere è quella parte di noi che accoglie, crea e compie il male, quei posti nel nostro cuore dove il fuoco della rabbia, dell'amarezza, dell'egoismo o della chiusura della mente e del cuore non ha lasciato altro che fredda cenere.
La cenere ci ricorda che la nostra vera vita non si trova nelle cose mortali che alla fine si trasformano in polvere, ma nelle cose eterne. Sappiamo anche che dalla cenere può germogliare una nuova vita, che può crescere forte e fiorire in pienezza: questo è il miracolo pasquale.
Come sempre, i Vangeli delle prime due domeniche di Quaresima forniscono una tabella di marcia per il nostro viaggio quaresimale dalla tentazione (questa domenica) alla trasfigurazione (domenica prossima).
Ci lasciamo tentare dalla cenere dell'egoismo e della chiusura del cuore ad una vita di bontà. Celebriamo la grazia di Dio nei nostri confronti condividendo ciò che abbiamo con coloro che ne hanno bisogno, che si tratti di cibo, denaro, tempo, amore, amicizia o compassione.
Questo è ciò che significa ‘convertirsi e credere al Vangelo’.
In questi giorni in cui siamo così consapevoli dell’importanza della vita umana nella creazione divina, forse potremmo pensare a un digiuno permanente dovuto al nostro consumo eccessivo di energia, di cibo e di benzina, per permettere alla nostra terra di guarire, respirare e continuare essere fonte di nutrimento e di vita per l'intera famiglia umana.

Tempo di silenzio personale per la riflessione
Published in Notizie (CITOC)
Tagged under
Giovedì, 08 Febbraio 2024 13:22

Celebrando in Casa - VI Domenica del Tempo Ordinario

Il viaggio con Gesù continua
(Mc 1:40-45)

Dopo il Vangelo della settimana scorsa, Gesù ha deciso di predicare e guarire nelle altre città della Galilea quando un lebbroso viene da lui e implora la guarigione.

Al tempo dei racconti biblici le persone con qualsiasi tipo di condizione della pelle venivano generalmente considerate affette da lebbra. Ma non si trattava della malattia di Hansen, il nome corretto per la lebbra come la conosciamo oggi.

Chiunque fosse sospettato di essere lebbroso doveva vivere fuori dalla propria città per paura che contagiasse altre persone. Dovevano lasciare casa e famiglia, il lavoro, la comunità e la sinagoga.

Dipendevano da altri che gli portavano cibo e acqua.

Questo senso di paura e sospetto nei confronti dei lebbrosi è in netto contrasto con l'accoglienza data da Gesù all'uomo del Vangelo.

Va da Gesù e gli chiede di renderlo puro, di curarlo.

Gesù è profondamente commosso e tocca l'uomo (cosa che deve aver richiesto grande compassione) e lo guarisce. Nel guarire l'uomo, Gesù ha fatto molto di più per lui che semplicemente alleviarlo da un disturbo angosciante. Gesù ha letteralmente restituito all'uomo la sua vita. Ora può tornare a casa dalla sua famiglia, riprendere il lavoro e rinnovare la sua pratica religiosa nella sinagoga.

Ai tempi di Gesù molte persone consideravano la malattia, certi disturbi e la disabilità come un segno che le persone erano anche moralmente malate, che avevano peccato, fatto qualcosa di sbagliato.

Guarendo i malati, Gesù rimuove anche da loro la macchia del male.

È interessante notare che c'è una sorta di ‘inversione di ruoli’ in questo Vangelo. All'inizio il lebbroso è l’emarginato, colui che deve vivere fuori città. Poiché l'uomo guarito racconta a tutti l’accaduto, è Gesù ora colui che deve rimanere fuori dalle città e dai villaggi.
Tuttavia, tante persone, come il lebbroso, vanno ancora da lui per essere guariti.

Consapevoli del nostro bisogno di guarigione, anche noi possiamo prendere l'iniziativa avvicinandoci a Gesù. Saremo accolti con accoglienza, compassione e amore. Possiamo riprenderci il nostro giusto posto di figli e figlie amati. Anche noi possiamo raccontare la storia di ciò che Dio ha fatto per noi.

Published in Notizie (CITOC)
Tagged under
Giovedì, 01 Febbraio 2024 09:04

Celebrando in Casa - V Domenica del Tempo Ordinario

In cammino con Gesù
(Mc 1:29-39)

La storia del primo giorno di ministero di Gesù a Cafarnao continua nel Vangelo di questa domenica.
Dopo aver lasciato la sinagoga dove aveva guarito l’indemoniato, Gesù torna alla casa di Simone. Egli guarisce la suocera di Simone e la reintegra nel suo ruolo in qualità di garante dell’ospitalità, pratica considerata sacra per le famiglie ebraiche. Nessuna parola viene proferita. Gesù semplicemente prende la sua mano e la aiuta ad alzarsi. Nel fare ciò, egli compie azioni che sono normalmente considerate tabù, come toccare un malato e toccare una donna con cui non si è imparentati. Ma nel Vangelo di Marco la legge e le consuetudini non possono intralciare il percorso della potenza guaritrice di Dio.
Quella sera, dopo il tramonto, quando il sabato era ormai concluso, le persone cominciano a portare malati e indemoniati a Gesù affinché egli li guarisca.
Si noti quanti elementi ‘locali’ siano presenti in questi passi del Vangelo di Marco: un uomo del posto nella sinagoga, una donna del posto nella sua stessa casa, gente del posto attorno alla porta, gente del posto che viene portata per esser guarita.
In tutte queste storie di guarigione, Marco ci presenta un Gesù che conversa singolarmente con ciascun individuo. Ciascuno riceve un trattamento personalizzato, a volte attraverso delle parole, a volte con un tocco, a volte entrambe queste modalità. C’è una forte dimensione di intimità in questo ministero di guarigione che Gesù opera.
È interessante notare come i demoni sanno riconoscere perfettamente la vera identità di Gesù, mentre le persone umane hanno bisogno di molto più tempo per riconoscerlo.
Sul far del mattino Gesù va a pregare da solo. Gesù prega sia in una funzione pubblica come quella della sinagoga, sia in solitari momenti di quieta comunione con Dio. Marco ci aiuta a capire che entrambe queste dimensioni sono necessarie per degli aspiranti discepoli. Gesù comincia e finisce le sue giornate in preghiera.
Trovato Gesù, i discepoli lo supplicano di tornare in città, ma Gesù ha un’altra idea in mente. La sua predicazione e le sue guarigioni non hanno come destinatari solo le persone di Cafarnao, ma tutta la popolazione della Galilea.
Non c’è dubbio che i discepoli debbano aver gradito di essere alla presenza di una personalità che compiva così grandi prodigi!
Ma per Gesù il punto non è egli stesso, ma la sua missione di proclamare la Buona Novella di Dio attraverso parole e azioni di guarigione. Le storie di guarigione sottolineano l’idea che l’esperienza di Dio attraverso la persona di Gesù portano guarigione e integrità, non morte e distruzione.
La predicazione di Gesù, così come le sue storie di guarigione, verte fondamentalmente sulla trasformazione del reale – persone umane che si trasformano nel popolo di Dio.

Published in Notizie (CITOC)
Tagged under
Mercoledì, 24 Gennaio 2024 08:16

Celebrando in Casa - IV Domenica del Tempo Ordinario

Cominciando il cammino
(Mc 1:21-28)

Dopo aver visto la chiamata dei primi quattro discepoli nel Vangelo della settimana scorsa, questa settimana siamo catapultati nel ministero di Gesù. I Vangeli della quarta, quinta e sesta domenica tratteggiano infatti il ministero di Gesù a Cafarnao.
La scorsa domenica il vangelo sottolineava la chiamata dei discepoli a vivere e operare in partecipazione attiva con Gesù. Per essere ‘pescatori di uomini’ essi hanno dovuto lasciarsi indietro tutto quello che era conosciuto e familiare, compresa la loro fiorente attività di pescatori e le loro famiglie. Hanno dovuto fare un salto nel buio, non sapendo dove il loro cammino con Gesù li avrebbe portati.
Nelle prossime tre domeniche cominceremo a farci un’idea su chi sia Gesù e su che tipo di cammino sia il suo.
Il Vangelo di oggi vede Gesù e i discepoli giungere a Cafarnao, una piccola città sulla riva settentrionale del lago di Tiberiade, la quale sarà la base del ministero di Gesù in Galilea.
Di sabato Gesù e i suoi discepoli frequentano la liturgia sinagogale, durante la quale Gesù offre un insegnamento. Le sue parole colpiscono l’assemblea per la loro autenticità e per quanto esse suonino ‘vere’. Inoltre, le parole di Gesù non solo smuovono l’assemblea, ma liberano anche un uomo da uno spirito impuro. L’azione di Gesù è in risposta all’affermazione che l’uomo gli pone: ‘Sei venuto a rovinarci!’: piuttosto che distruggere, Gesù libera l’uomo dallo spirito impuro, guarendolo e restituendogli la sua integrità.
Schiacciare le persone con la forza e l’autorità di Dio non rientra nello stile di Gesù; al contrario, egli vuole liberare e riscattare coloro che sono attanagliati dal male.
Molte persone sono spaventate da Dio; Gesù costantemente dice e mostra che non c’è nessun bisogno di questa paura. Esser Dio è operare benevolmente per il suo popolo, non punirlo. Il potere di Dio guarisce, risana e libera, in modo che tutti noi possiamo crescere e diventare quel popolo che Dio ha sempre sognato noi diventassimo.
I discepoli imparano cose nuove riguardo chi sia Dio attraverso le parole e le azioni di Gesù. In tutto questo vi è una chiamata verso una maggior fede e fiducia nella bontà di Dio.

Published in Notizie (CITOC)
Tagged under
Pagina 2 di 15

Avviso sul trattamento dei dati digitali (Cookies)

Questo sito web utilizza i cookies per eseguire alcune funzioni richieste e per analizzare la fruizione del nostro sito web. Raccoglieremo le tue informazioni solamente se completi i nostri moduli di iscrizione o di richiesta di preghiera, in modo da poter rispondere alla tua e-mail o inserire le tue intenzioni / richieste nella preghiera. Non utilizziamo i cookies per personalizzare i contenuti e gli annunci. Nessuna informazione, acquisita tramite i nostri moduli di contatto via posta elettronica, verrà condivisa con terze persone. "Le tue informazioni" restano "le tue informazioni personali".