Salta al contenuto principale

Gruppo di lavoro per la Liturgia e la Preghiera 2013-2019

Francisco de Sales Alencar Batista

La preghiera è il centro ineliminabile della nostra vita e da essa sgorgano una comunità e un ministero autentici. La preghiera della comunità carmelitana è un segno per il mondo della Chiesa che prega 7. La preghiera liturgica é la forma più alta di incontro con Dio nella comunità e attualizza ció che li è celebrato. La preghiera personale è strettamente collegata con la preghiera liturgica: fluiscono l'una dall'altra (Cast. 64, 69).

Durante l'ultimo Capitolo Generale, riprendendo le pa-role che nel 2007 Papa Benedetto XVI rivolgeva ai Carme-litani, Papa Francesco ci invitava a mettere la preghiera al centro della nostra vita come la fonte che ci alimenta, che testimonia ed esprime i valori più nobili della dimensione contemplativa del nostro carisma. La preghiera, secondo il Santo Padre, deve caratterizzare il dinamismo della nostra presenza e della nostra missione nella Chiesa e nel mondo: "Voi siete chiamati a vivere sulle altezze del Carmelo, e al-trettanto vero che siete chiamati a dare testimonianza in mezzo al popolo. La preghiera è quella "strada regale" che apre alle profondità del mistero di Dio Uno e Trino, ma è anche il sentiero obbligato che si snoda in mezzo al popolo di Dio pellegrinante nel mondo verso la Terra Promessa. [...]. Ora più che mai è il momento di riscoprire il sentiero interiore dell'amore attraverso la preghiera e offrire alla gente di oggi nella testimonianza della contemplazione, come pure nella predicazione e nella missione non inutili scorciatoie, ma quella sapienza che emerge dal meditare "giorno e notte nella Legge del Signore", Parola che sempre conduce presso la Croce gloriosa di Cristo".

Partendo dalla consapevolezza della necessità urgente di trattare con attenzione speciale la liturgia e la preghiera nell'Ordine, il Capitolo Generale ha ritenuto di rispondere positivamente a questa sfida, spingendoci a prendere seriamente la responsabilità di sviluppare una cultura della preghiera a tutti I livelli della vita e della nostra missione:
 
"Ci sentiamo chiamati a costruire comunità di preghiera il cui principale servizio è quello di insegnare alla gente come pregare nei luoghi dove sono e prestano servizio, formandola ad una cultura di preghiera con i nostri discorsi, con la nostra celebrazione della liturgia partecipativa e contemplativa, con la pratica della Lectio Divina e con la nostra attenzione ad altre forme di preghiera" (Messaggio finale, 2013).

La Commissione per la Liturgia e la Preghiera, create dal Capitolo Generale del 2013, ha come obiettivo principale di "incoraggiare nell'Ordine la vita di preghiera in tutti i suoi aspetti". La Commissione lavorerà a partire dalle linee guida approvate dal Capitolo Generale e cercherà di indirizzare le necessità concrete emerse nel campo della liturgia e della preghiera, realizzando i compiti concreti che le sono stati affidati per i prossimi sei anni.

i membri

  • Francisco de Sales Alencar Batista (praeses)
  • Edmondo Caruana (Mel)
  • Mario Esposito (SEL)
  • Michael Farrugia  (Mel)
  • Giovanni Grosso (Ita)
  • Robert Manik (Indo) 
  • Giuseppe Midili (Ita)
Come Carmelitani, viviamo in ossequio di Gesù Cristo e lo serviamo fedelmente con cuore puro e retta coscienza, impegnandoci nella ricerca del volto del Dio vivente (dimensione contemplativa della vita), nella preghiera, nella fraternità e nel servizio (diakonia) in mezzo al popolo, sotto la protezione e la guida della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo che onoriamo come Madre e Sorella. Questi tre elementi fondamentali del carisma non sono valori separati o senza connessione, bensì strettamente legati l'uno all'altro.