Print this page

Commissione Generale Di Coordinamento Delle Nuove Fondazioni

Plan Global del Consejo General 2019-2025

Luis José Maza Subero, O.Carm.

«Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli [...] Io Sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo» (Mt 28,19). L’e­vangelizzazione è un compito arduo, ma Gesù sarà sempre in mezzo a noi con la sua presenza consolante e confortan­te in tutte le situazioni della missione evangelizzatrice.

La comunità carmelitana è una comunità di testimo­nianza: essere la memoria storica del Crocifisso-Risorto. Vivere in ossequio di Gesù Cristo (Regola, n. 2) ci svela il significato della missione, che è legato all’annuncio del Re­gno di Dio ai poveri e agli emarginati. I Carmelitani, co­me persone contemplative, hanno «un cuore compassio­nevole. Quando l’amore si indebolisce, tutto perde sapore. L’amore, premuroso e creativo, è balsamo per coloro che sono stanchi e sfiniti (cfr. Mt 11, 28), per quanti patiscono l’abbandono, il silenzio di Dio, il vuoto dell’anima, l’amore spezzato. [...] Chi ama Dio deve cercarlo nei poveri » (Mes­saggio di Papa Francesco ai partecipanti al Capitolo Generale dei Carmelitani, 2019).

Il Carmelitano viene inviato, prosegue Papa Francesco, in un «mondo che ha sete di Dio e voi Carmelitani, maestri di preghiera, potete aiutare tanti a uscire dal rumore, dalla fretta e dall’aridità spirituale. Non si tratta naturalmente di insegnare alla gente ad accumulare preghiere, ma ad esse­re uomini e donne di fede, amici di Dio, che sanno percor­rere le vie dello spirito».

L’evangelizzazione è «il compito primo della Chiesa [...] rappresenta, ancor oggi, la massima sfida per la Chiesa e la causa missionaria deve essere la prima [...] non possiamo più rimanere tranquilli, in attesa passiva, dentro le nostre chiese» (Evangelii Gaudium, n. 15). I Carmelitani partecipa­no al compito di evangelizzazione, svolgono la pastorale missionaria come mezzo per portare l’annuncio della Buo­na Novella nelle periferie geografiche ed esistenziali: «gli immensi spazi della carità, dell’annunzio evangelico, dell’e­ducazione cristiana, della cultura e della solidarietà verso i poveri, i discriminati, gli emarginati e oppressi». (Costitu­zioni, n. 109).

Le nuove fondazioni carmelitane devono considerare la geopolitica, non solo fondare per fondare, ma essere con­sapevoli che la missione dell’Ordine deve essere svolta co­me Famiglia Carmelitana, con la collaborazione reciproca tra le diverse realtà carmelitane, in modo che il nostro mi­nistero evangelizzatore sia una presenza rinnovatrice del nostro carisma nel discernimento e nell’impegno verso le periferie.

Progetti

Per questo motivo, il Capitolo Generale 2019 ha appro­vato la creazione di una Commissione Internazionale che cooperi strettamente con il Consiglio Generale e con i Pro­vinciali, responsabili delle nuove fondazioni, nei seguenti compiti:

  1. Esaminare le nuove presenze dell’Ordine valutando le risorse e le reali necessità di ciascuna di esse.
  2. Stabilire un sistema per la distribuzione delle risorse economiche disponibili per le nostre missioni. Esami­nare le richieste pervenute e il finanziamento stanziato per ogni progetto.
  3. Promuovere la collaborazione, specialmente, nella for­mazione ed in altre aree come la pastorale e l’ammini­strazione.
  4. Trovare nuove forme di finanziamento nelle Nuove Fon­dazioni, non solo con le attività pastorali, ma anche for­mando i religiosi, in base alle loro capacità, in altre aree che potrebbero essere fonti di reddito per la comunità o per la realtà missionaria, ad esempio: l’insegnamento, l’artigianato, la scienza e i lavori manuali.
  5. Ricevere le domande per nuovi progetti, valutarle ed ef­fettuare uno studio di fattibilità in merito al loro taglio missionario, alla possibile collaborazione, al sostengo all’interno della famiglia carmelitana e ai finanziamenti.
  6. Studiare e consigliare possibili modi di risoluzione per quelle Province che hanno difficoltà a finanziare le loro missioni.
  7. Raccomandare, dopo il dovuto studio, possibili itinerari per l’indipendenza di una missione dalla Provincia di appartenenza.

Los Miembros

  • Luis José Maza Subero, O.Carm.
  • Altamiro Tenorio da Paz, O.Carm. (Pernambuco, Brasil)
  • Francisco Daza Valverde, O.Carm. (Betica, España)
  • Carl Markelz, O.Carm. (PCM, USA)
  • Victor Alphonse Biramoto, O.Carm. (Tanzania)
  • Joseph Hung Tran, O.Carm. (SEL, Vietnam)

Related items