Salta al contenuto principale

Celebrazioni carmelitane in Sicilia

Celebrazioni carmelitane in Sicilia
57/2019 – 17 - 08

Domenica scorsa, 4 agosto, il Priore Generale, Fernando Millán Romeral, O.Carm., ha presieduto nel Santuario diocesano di Sant’Angelo a Licata, in Sicilia, una solenne eucaristia, alla quale hanno concelebrato P. Roberto Toni, O.Carm., Provinciale della Provincia Italiana, e il Rettore del suddetto Santuario, Don Angelo Pintacorona, insieme ad altri sacerdoti. Successivamente, il Priore Generale ha annunciato alcuni dei numerosi atti religiosi, culturali e catechetici che sono stati programmati in occasione della celebrazione dell'ottavo centenario del martirio di San Angelo, e, in modo straordinario e per una speciale concessione, ha venerato le sue reliquie prima di offrire un omaggio floreale. Alla suddetta Eucaristia erano presenti le autorità della città, guidate dal Vicesindaco, una nutrita rappresentanza del T.O.C. di Licata e delle altre città siciliane, nonché confraternite e associazioni dedicate al Santo: “Pro Sant’Angelo”, “Portatori di Oltreponte” e “Vivere Licata”. Il giorno seguente, accompagnato dal Provinciale, ha visitato l’Arcivescovo di Agrigento, il Cardinale Francesco Montenegro, che ha mostrato interesse nei confronti del programma del centenario ed affetto per la famiglia carmelitana.
Approfittando del suo soggiorno in Sicilia, il Priore Generale ha presieduto l’eucaristia nel Santuario della Vergine di Trapani in occasione della festa di Sant’Alberto. Come è tradizione, ha aperto la calotta d’argento nella quale è custodito il cranio del santo e ha benedetto l’acqua di Sant’Alberto. In seguito ha partecipato alla processione popolare che porta la statua del santo sia al municipio, dove i presenti sono stati accolti dal sindaco, che alla cattedrale nella quale il vescovo, Mons. Pietro Maria Fragnelli, ha pronunciato una bella preghiera davanti al patrono della città.
Sant'Angelo e Sant'Alberto, primi santi dell'Ordine, ci aiutino ad essere fedeli al nostro carisma e generosi e creativi nella nostra vita carmelitana.

shieldOCarm

Come Carmelitani, viviamo in ossequio di Gesù Cristo e lo serviamo fedelmente con cuore puro e retta coscienza, impegnandoci nella ricerca del volto del Dio vivente (dimensione contemplativa della vita), nella preghiera, nella fraternità e nel servizio (diakonia) in mezzo al popolo, sotto la protezione e la guida della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo che onoriamo come Madre e Sorella. Questi tre elementi fondamentali del carisma non sono valori separati o senza connessione, bensì strettamente legati l'uno all'altro.