Salta al contenuto principale

Povertà: la materia prima della trasformazione

A differenza dell'obbedienza, che è un termine abbastanza comune nella Bibbia, è più difficile trovare le radici scritturistiche della povertà, che già come vocabolo appare molto meno nei testi sacri.

Leggi tutto
Vivere in semplicità

Condividere

Non è scontato che il gesto di mettere in comune i beni sia in se stesso una testimonianza efficace, però ha la forza di metterci insieme e diventa una vera scuola di dipendenza da Dio e di dipendenza gli uni dagli altri. La solitudine e l'indifferenza reciproca che a volte sperimentiamo in comunità spesso dipendono da troppe eccezioni, da troppe scappatoie alla comunione dei beni.

Obbedienza: l'ascolto come trasformazione

La forma più radicale di obbedienza che la Bibbia ci presenta è l'ascolto fedele alla voce di Dio, che ci raggiunge attraverso la comunità, attraverso coloro che ci istruiscono o ci guidano e anche attraverso gli eventi della storia. In Dt 6, 4-9 troviamo l'espressione perfetta della virtù biblica dell'obbedienza:

Il Profeta Elia e Il Silenzio Profetico

Nella solitudine del monte Carmelo dove vissero i primi Carmelitani regnava un grande silenzio. Non c’era chiasso se non i rumori della stessa natura che invitavano al silenzio. Anche così, la Regola raccomandava con molta insistenza il silenzio. In una città rumorosa ha senso insistere che si faccia silenzio.

Carmelitani per la giustizia e la pace

La fedeltà al progetto di Gesù implica un forte impegno in favore della vita, della giustizia, della pace e della salva-guardia del creato. Non è strano che nel cammino della fede, ci siano dei rischi, delle persecuzioni, per il solo fatto di andare contro la corrente del mondo. Dar testimonianza è una esigenza per i cristiani di oggi,

Il Signore è la vita il Signore è la gioia

La vita è gioia, la gioia è un dono di Dio, come dice la beata Madre Teresa di Calcutta "la gioia è segno di una persona generosa e dimentica di sé che, dimenticando tutto, persino se stessa,cerca di compiacere Dio in qualsiasi cosa faccia per le anime. La gioia è spesso un mantello che nasconde una vita di sacrificio, continua unione con Dio, fervore e generosità. La persona che possiede questo dono della gioia raggiunge spesso un alto grado di perfezione. Perché Dio ama chi dona con gioia".

La Storia del Carmelo - Che Cos'è

Che cos'è l'Ordine carmelitano?

E' uno dei tanti istituti religiosi che Iddio ha suscitato nella Chiesa per raccogliere uomini o donne desiderosi di vivere la vita cristiana non solo nell'osservanza dei dieci comandamenti, ma anche dei tre grandi consigli evangelici: povertà assoluta, castità perpetua e obbedienza perfetta. Essi si propongono così di raggiungere la propria perfezione, culminante spesso nell'eroismo della santità.

---------*******---------*******---------

shieldOCarm

Come Carmelitani, viviamo in ossequio di Gesù Cristo e lo serviamo fedelmente con cuore puro e retta coscienza, impegnandoci nella ricerca del volto del Dio vivente (dimensione contemplativa della vita), nella preghiera, nella fraternità e nel servizio (diakonia) in mezzo al popolo, sotto la protezione e la guida della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo che onoriamo come Madre e Sorella. Questi tre elementi fondamentali del carisma non sono valori separati o senza connessione, bensì strettamente legati l'uno all'altro.